Veniva usata per il trasporto sanitario, ma abusivamente: non aveva nessuna autorizzazione ed era anche già sottoposta a fermo amministrativo. Per questo motivo la Polizia Locale ha sequestrato un'ambulanza della cooperativa Croce San Pio, già al centro di precedenti accertamenti e tra le protagoniste dell'inchiesta giornalistica "Croce Nera" di Fanpage.it, sul mondo delle ambulanze private. Il mezzo si trovava nei pressi dell'Ospedale del Mare, nel quartiere Ponticelli, nella zona ovest di Napoli.

Il controllo è stato effettuato dall'Unità Operativa Secondigliano e dal Gruppo Intervento Territoriale, gli agenti hanno accertato che l'ambulanza, che veniva utilizzata per il trasporto sanitario (e che non veniva quindi impiegata nel circuito del 118), operava in assenza dell'autorizzazione sanitaria obbligatoria. Inoltre i poliziotti hanno appurato che il veicolo circolava nonostante fosse in stato di fermo amministrativo per violazioni precedenti; il conducente è stato sanzionato per oltre 7mila euro e l'ambulanza è stata sequestrata ai fini della confisca e affidata al custode-acquirente prefettizio.

"Stiamo svolgendo controlli severi e serrati al fine di ripristinare la legalità in un settore così sensibile quanto vitale in questa terribile pandemia – dice l'assessore Alessandra Clemente, con delega alla Polizia Locale – andremo avanti. Grazie all'inchiesta di Fanpage". Nelle scorse settimane la Polizia Locale aveva effettuato degli accertamenti all'interno della sede della cooperativa San Pio ed era scattato il sequestro per un'ambulanza, che era autorizzata esclusivamente per l'uso privato e non per il trasporto infermi a noleggio: al mezzo era stata sospesa la carta di circolazione per sei mesi.