105 CONDIVISIONI
Inchiesta Croce Nera, ambulanze private a Napoli
24 Ottobre 2022
15:51

Soccorritore picchiato all’Ospedale del Mare: “Solo l’ambulanza nostra deve stare qui”

Soccorritori di ambulanze private aggrediti a Napoli: sarebbe stata una intimidazione per impedirgli di lavorare davanti all’Ospedale del Mare.
A cura di Nico Falco
105 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Inchiesta Croce Nera, ambulanze private a Napoli

Mentre era insieme a un collega sarebbe stato avvicinato da due uomini, legati a una diversa società di ambulanze private, che li avrebbero prima minacciati e poi aggrediti perché avrebbero "invaso" il loro territorio. É quello che ha raccontato un soccorritore, refertato ieri sera al Pronto Soccorso del Pellegrini  con prognosi di 15 giorni per ferite al volto e al naso. Nella denuncia, che Fanpage.it ha potuto visionare, l'uomo menziona esplicitamente quelli che sarebbero stati gli aggressori: si tratterebbe di personaggi già coinvolti in inchieste sul mondo delle ambulanze private, e legati in particolare alla "Croce San Pio", tra i protagonisti dell'inchiesta giornalistica Croce Nera di Fanpage.it.

Già in passato si erano verificati episodi del genere, ai quali erano seguiti denunce da ambo le parti, con dipendenti di società di ambulanze private che affermavano di essere stati aggrediti dai concorrenti. L'ultima aggressione, si legge nella denuncia, sarebbe avvenuta intorno alle 19:30 di ieri, 23 ottobre, davanti al Pronto Soccorso dell'Ospedale del Mare di Ponticelli. L'uomo fa mettere a verbale di essere stato avvicinato da due persone legate alla E.D.M. Emergency, società che già in passato ha affermato di non essere collegata alla Croce San Pio, sebbene abbia "ereditato" la stessa sede e gli stessi numeri di telefono e abbia tra i dipendenti familiari dell'ex dominus Marco Salvati (successivamente arrestato nell'inchiesta su camorra e ospedali).

Soccorritori aggrediti davanti al Pronto Soccorso: "Qui è zona nostra"

I due, prosegue la denuncia, sarebbero usciti dall'automobile, uno di loro avrebbe afferrato il soccorritore, lo avrebbe tirato fuori dall'ambulanza con la forza e lo avrebbe preso a calci e pugni mentre gli diceva che sarebbe dovuto andare via da quel Pronto Soccorso e non avrebbe dovuto tornarci. Il collega sarebbe intervenuto, ma sarebbe stato minacciato dall'altro uomo. Dopo l'aggressione sono intervenuti i poliziotti, che hanno accompagnato il soccorritore al Pronto Soccorso del Pellegrini. L'aggressione è stata segnalata anche dall'associazione "Nessuno Tocchi Ippocrate", che ha auspicato l'interessamento della vicenda di Ciro Verdoliva, direttore generale dell'Asl Napoli 1.

105 CONDIVISIONI
Ambulanze non sanificate e appalti vinti coi prestanome, l'inchiesta sulla gara all'Asl Napoli 1
Ambulanze non sanificate e appalti vinti coi prestanome, l'inchiesta sulla gara all'Asl Napoli 1
Camorra e ambulanze, il boss Cimmino su Salvati di Croce San Pio:
Camorra e ambulanze, il boss Cimmino su Salvati di Croce San Pio: "Ci chiedeva di eliminare la concorrenza"
Botte e minacce per parcheggiare l'ambulanza al Cardarelli:
Botte e minacce per parcheggiare l'ambulanza al Cardarelli: "Se non ve ne andate ti sparo"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni