Momenti di paura nel tardo pomeriggio di oggi a Secondigliano, quartiere della periferia settentrionale di Napoli, dove un pezzo di strada ha ceduto, inghiottendo quasi completamente un'automobile parcheggiata. La voragine, per la precisione, si è aperta in via Cassano, zona che nel quartiere viene conosciuta e comunemente indicata come "Perrone": un'automobile che si trovava parcheggiata al momento del cedimento della sede stradale è stata inghiottita per metà dalla voragine. Fortunatamente, l'episodio non ha fatto registrare feriti. Si attende l'arrivo delle forze dell'ordine e dei vigili del fuoco per la messa in sicurezza della zona e per i rilievi del caso, che determineranno le cause del cedimento. È probabile che un ruolo fondamentale lo abbiano giocato le piogge che da settimane, con grande frequenza e intensità, si riversano su Napoli e sulla Campania in generale.

Qualche settimana fa, lo scorso 8 gennaio, una grossa voragine si è aperta invece nel parcheggio dell'ospedale del Mare, a Ponticelli, alla periferia orientale di Napoli. La voragine, che ha portato con sé una grossa porzione di strada, ha costretto all'evacuazione del Covid Residence del nosocomio partenopeo, che al momento del crollo ospitava 6 pazienti contagiati dal Coronavirus, paucisintomatici. Fortunatamente, il crollo della strada non ha fatto registrare feriti, ma ha causato ingenti danni. L'area della voragine è stata posta sotto sequestro per consentire alla Procura di Napoli di svolgere le indagini per determinare le cause del crollo ed eventuali responsabilità. Concesso poi il dissequestro di 10 giorni per ripristinare aria e acqua calda.