2.922 CONDIVISIONI
Reddito di cittadinanza 2022, le ultime novità
22 Luglio 2022
15:32

Reddito di Cittadinanza, stop di De Luca: “Contributi solo a chi vuole lavorare e fare formazione”

Il governatore nella diretta web: “Non credo ai dati Istat, in Italia i poveri veri non sono più di 2-3 milioni. C’è chi integra con lavoro nero e imbrogli”
A cura di Pierluigi Frattasi
2.922 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Reddito di cittadinanza 2022, le ultime novità

"In Italia dovremmo fare una operazione verità. Fermo restando l'aiuto vero alla povera gente. Non bisogna erogare nessun contributo se non c'è disponibilità a lavorare o a fare formazione professionale. Non possiamo educare una intera generazione al parassitismo". Non ha dubbi il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, che nel corso della consueta diretta web del venerdì punta il dito contro il Reddito di Cittadinanza, introdotto dall'ex Governo Conte e cavallo di battaglia del M5S.

"I contributi esistevano anche prima"

"Non è vero che prima dell'RdC non c'erano aiuti alle famiglie – spiega De Luca – c'era il reddito di inclusione, con un fondo di 3 miliardi. La differenza è che era erogato dai Comuni, che verificavano le povertà, erano un filtro contro gli imbrogli e i soldi si davano alle famiglie, non ai singoli. Certo, si poteva ampliare e migliorare".

De Luca: "Non credo all'Istat, in Italia i poveri veri non sono più di 3 milioni"

Poi il governatore incalza: "Non credo alle cifre dell'Istat che parla di 5 milioni di poveri assoluti e 7 milioni relativi. Abbiamo sicuramente 2-3 milioni di poveri veri. Ma se avessimo davvero 5+7 milioni di poveri ci sarebbe la rivoluzione. Sono dati che non corrispondono alla realtà. La verità è che ci sono 100 forme di integrazione del reddito con lavoro nero, occulto, imbrogli di vario tipo".

Crisi di Governo, De Luca: "All'Italia serve stabilità"

"Come ampiamente prevedibile – ha concluso il Governatore – in queste settimane si è aperta la crisi di Governo. Il Parlamento è stato sciolto da Mattarella. Ma il voto di ‘sfizio' che ci siamo regalati 4 anni fa e ha dato ai M5S il 33% dei voti si è tradotto in un disastro di proporzioni inimmaginabili. All'Italia occorre stabilità".

2.922 CONDIVISIONI
I programmi dei partiti sul Reddito di cittadinanza: rischia davvero di essere abolito?
I programmi dei partiti sul Reddito di cittadinanza: rischia davvero di essere abolito?
Il bullismo sul Reddito di cittadinanza: uno sport nazionale
Il bullismo sul Reddito di cittadinanza: uno sport nazionale
"Reddito di cittadinanza revocato a chi non fa la raccolta differenziata" ordina il sindaco nel Napoletano
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni