I familiari di Rosa Barbato, per tutti Rossella, hanno lanciato una raccolta fondi per assicurare una vita dignitosa alla ragazza, colpita da una emorragia cerebrale 14 mesi fa. A breve verrà dimessa dall'ospedale di Parma dopo 14 mesi di ricovero, è stata sottoposta a diversi interventi salvavita ed è attualmente semi cosciente ma la aspetta una riabilitazione ancora molto lunga in una struttura specializzata.

L'incubo di Rossella è cominciato 14 mesi fa, in una sera di giugno 2019. Originaria di Napoli, si era da poco trasferita a Reggio Emilia per stare insieme al fidanzato, Alessandro, anche lui napoletano. Erano a cena quando lei si è sentita male all'improvviso. Urlava, aveva delle fortissime vertigini, in pochi istanti aveva perso conoscenza. Erano i sintomi di una emorragia cerebrale. Era stata portata all'ospedale Franchini di Montecchio, poi al Maggiore di Parma. Lì, la diagnosi: emorragia cerebrale causata da malformazione congenita.

A un passo dalla morte, è stata salvata da una decina di interventi chirurgici. Ora si trova in uno stato di semi coscienza e a breve verrà dimessa, ma il calvario non è finito: serve ancora una lunga riabilitazione, che dovrà fare in una struttura specializzata. Cure costose, che la famiglia e il fidanzato non sono in grado di sostenere interamente. Da qui la scelta di lanciare un appello sulla piattaforma GoFundMe per chiedere un supporto. È possibile contribuire tramite il sito o con un bonifico bancario al conto corrente intestato alla sorella, Anna Barbato.

"Lei è mia figlia Rosa – si legge nell'appello, scritto dalla madre – ha 27 anni ed è così come la vedete in foto, sorriso a 32 denti, di una sensibilità e dolcezza infinita, un cuore aperto al mondo, alla famiglia soprattutto. Quattordici mesi fa, inaspettatamente, in seguito ad un'emorragia celebrale è entrata in un lungo periodo di coma. Si è sottoposta ad una decina di operazioni, tutte salvavita. È passata da interventi di neurochirurgia a quelli di chirurgia plastica. Fra poco sarà dimessa dall'ospedale di Parma e dovrà affrontare un lungo periodo di riabilitazione. Queste ultime però richiedono un costo troppo ingente. Chiediamo di aiutarci per assicurare a Rossella una vita il più dignitosa possibile. Vi
prego, da mamma, di aiutarmi con una piccola donazione  Vi ringrazio infinitamente. Se preferite fare un bonifico vi lascio l'IBAN: IT73N3608105138220721220813 Intestatario: Anna Barbato".

Qui link per le donazioni