Qualcuno, ieri mattina, ha rubato la statuetta del Gesù Bambino dal presepio del santuario di San Giuseppe alla Chiaiolella, a Procida. A dare la notizia dell'accaduto è stata la chiesa stessa, attraverso la propria pagina Facebook. Poche parole, che hanno causato stupore e indignazione nella comunità dell'isola napoletana. L'area dove si trovava la statuetta è però videosorvegliata, quindi con tutta probabilità anche il ladro potrà essere identificato a breve grazie alle telecamere. Nel Santuario sono custodite diverse opere d'arte, tra cui una pala lignea della Madonna con Bambino che risale al quindicesimo secolo.

"Con grande rammarico – si legge nel post – dobbiamo denunciare la scomparsa dal presepio in chiesa della statuetta di Gesù Bambino, statuetta che proveniva dalla Terra Santa. Il furto è stato fatto in mattinata (il 28 dicembre, ndr). Poiché il Santuario è dotato di sistema di video sorveglianza analizzeremo i filmati e agiremo per vie legali. Preghiamo di diffondere questo messaggio sui social".

La statuetta rubata era stata acquistata a Gerusalemme da fedeli procidani, che avevano scelto di donarla al Santuario una volta tornati a casa ed era stato deciso di utilizzarla per il presepio. Al momento non si esclude l'ipotesi che a prendere la statuetta sia stato qualcuno che aveva l'intenzione di tenerla in casa o di rivenderla nella speranza di ricavarci qualche spicciolo, ma resta in piedi anche la teoria del traffico di opere d'arte rubate: in passato diverse chiese dell'isola di Procida sono state infatti derubate di oggetti sacri o arredi, finiti poi nel circuito dei ricettatori.