Multa da 532 euro per eccesso di velocità e possibilità di sospensione della patente di guida per Edoardo De Laurentiis, figlio del patron del Napoli Aurelio e vicepresidente della società. Il 35enne è stato fermato sabato scorso a Bagnoli, nella zona occidentale della città, durante un servizio di controllo della Polizia Municipale. Su quel tratto di strada vige il limite massimo di trenta chilometri orari ma l'autovelox ha segnalato che la sua automobile, una Volvo celeste, stava procedendo a circa il doppio; De Laurentiis è stato quindi fermato dalla pattuglia che gli ha comminato la sanzione e, come previsto dalle norme, ha ritirato la patente in attesa del successivo provvedimento: l'eccesso di velocità può portare alla sospensione da uno a tre mesi.

Il controllo è avvenuto nella mattinata di sabato, durante uno dei servizi predisposti dal Comando della Polizia Municipale nell'area ovest di Napoli. Via Coroglio, in particolare, è una delle più pericolose del quartiere: strada di scorrimento che da Bagnoli costeggia Cavalleggeri e arriva a Posillipo, per un lungo tratto non ha traverse laterali né abitazioni, è trafficata soltanto nel fine settimana, quando folle di giovani raggiungono le discoteche; negli altri giorni è spesso deserta e si trasforma in una pista dove le automobili e le motociclette sfrecciano a cento e oltre chilometri orari. E non sono purtroppo mancati gli incidenti, anche mortali, causati sia dall'alta velocità sia dalle condizioni del manto stradale. Motivo per cui, oltre a stabilire il limite massimo di 30 chilometri orari, vengono di frequente organizzati servizi di controllo con autovelox.