repertorio
in foto: repertorio

Si erano rifiutate di dargli del denaro per il parcheggio a Mergellina e così lui, per ritorsione, ha sfasciato la loro automobile: ha preso a pugni la carrozzeria e ha piegato il cofano. Le vittime, due donne, hanno chiamato i carabinieri, che in capo a poco tempo lo hanno individuato e arrestato: in manette un parcheggiatore abusivo di 48 anni, Jouhri Mohamad, di origini marocchine e senza fissa dimora, che ora dovrà rispondere di tentata estorsione e danneggiamento.

È accaduto ieri sera, 9 giugno, intorno alle 21. Le due, una donna di 25 anni e una di 36, avevano trovato un posto per l'auto tra via Caracciolo e via Mergellina, nella zona degli chalet. Avevano parcheggiato sulle strisce blu, avevano comprato il grattino e lo avevano posizionato sul cruscotto. Prima che si allontanassero dall'automobile, però, sono state bloccate da un uomo, che ha chiesto loro il denaro per il parcheggio. Le due gli hanno mostrato il grattino, hanno protestato per quello che sarebbe stato un pagamento doppio oltre che illegale, ma non c'è stato verso di fargli cambiare idea: per lasciare l'auto lì avrebbero dovuto pagare a lui.

All'ennesimo rifiuto l'uomo ha preso a pugni gli sportelli e i finestrini, poi si è messo davanti al cofano anteriore e lo ha sollevato, senza che fosse disattivato il perno di sicurezza, piegando la carrozzeria, ed è scappato. Le due donne, impaurite, hanno fermato una pattuglia dei carabinieri in via Piedigrotta e hanno raccontato quello che era appena successo, descrivendo l'uomo. Pochi minuti dopo i militari della stazione di Posillipo hanno identificato il 48enne, che era rimasto nei paraggi, e lo hanno arrestato; è stato condotto nel carcere di Poggioreale in attesa di giudizio.