909 CONDIVISIONI
Covid 19
9 Ottobre 2020
12:14

La storia degli ospedali Covid della Campania ancora chiusi

Quando è esplosa la pandemia di Coronavirus la Regione Campania aveva pianificato di aprire degli ospedali modulari prefabbricati, i cosiddetti Covid Center, per gestire i casi più gravi e non intasare le terapie intensive degli ospedali regionali. Non è andata così: siamo tornati in due di queste strutture, a Caserta e Salerno e sono drammaticamente chiuse. Proprio ora che la Campania ha un picco di contagi.
A cura di Redazione Napoli
909 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

L'emergenza sanitaria in Italia è iniziata il 31 gennaio 2020, quando il Consiglio dei ministri l'ha proclamata dopo l'inizio dell'epidemia da nuovo Coronavirus. In Campania a fine febbraio inizio marzo abbiamo iniziato ad avere i primi problemi, focolai, cluster e contagi e il 24 febbraio l'Unità di Crisi nominata dalla Regione Campania ha iniziato con le prime ordinanze firmate dal presidente della Regione Vincenzo De Luca per limitare i contagi. Da allora ad oggi, la Regione Campania non è riuscita a portare a termine il cronoprogramma di apertura dei cosiddetti Covid Center, gli ospedali modulari che nei progetti di De Luca dovrebbero aumentare e soddisfare (in condizioni di non critcità) la domanda di terapie intensive e subintensive per i malati di Covid-19 in Campania.

I Covid Center prefabbricati voluti da De Luca sono costati 18 milioni di euro e sono stati realizzati a Napoli, Caserta e Salerno. Nel mese di luglio Fanpage.it ha mostrato che le strutture di Caserta e Salerno non sono mai entrate in funzione perché prive di collaudo. Siamo nel mese di ottobre: in queste ore la Campania è la prima regione in Italia per numero di contagi. Siamo entrati negli ospedali prefabbricati che dovrebbero servire a fronteggiare l’epidemia a Caserta e Salerno. Sono ancora chiusi.

C'è anche una inchiesta della Procura della Repubblica di Napoli sugli appalti di questi prefabbricati: i primi indagati sono due fedelissimi del governatore della Regione Campania, il consigliere regionale rieletto Luca Cascone e il direttore generale dell'Asl Napoli 1 Centro Ciro Verdoliva. Con loro il presidente di SoReSa, la società pubblica della Regione Campania che si occupa di appalti, Corrado Cuccurullo e la dirigente dell'ufficio di gabinetto di De Luca, Roberta Santaniello che è anche componente della direzione nazionale del Partito Democratico.

909 CONDIVISIONI
31865 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni