173 CONDIVISIONI
Covid 19
14 Gennaio 2022
20:45

Nelle Terapie Intensive Covid dell’Asl Napoli 1 sono novax 6 ricoverati su 7

Negli ospedali dell’Asl Napoli 1 sono ricoverate in Terapia Intensiva per Covid 7 persone: 6 di loro non sono vaccinate. I dati aggiornati alle 23:59 del 13 gennaio.
A cura di Nico Falco
173 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Se nei reparti di degenza ordinaria Covid la distinzione tra novax e sivax appare praticamente inesistente, con una percentuale che rasenta il 50% (ma tenendo conto che i non vaccinati rappresentano circa il 20% della popolazione residente), la situazione cambia nettamente nelle Terapie Intensive: su 7 ricoverati, ben 6 non sono stati mai vaccinati. I dati sono quelli diffusi dall'Asl Napoli 1 Centro, l'azienda sanitaria che copre il territorio di Napoli città, riguardano l'Ospedale del Mare, il Loreto Mare, il San Giovanni Bosco e il Covid Residence e fotografano la situazione di ieri, 13 gennaio.

In Terapia Intensiva 6 ricoverati su 7 sono novax, dati dell'Asl Napoli 1

Dal prospetto su vaccinati e non vaccinati si vede che nell'Ospedale del Mare sono ricoverate in degenza ordinaria 47 persone, tra cui 25 vaccinati (con una, due o tre dosi) e 22 non vaccinati. In Terapia Intensiva, invece, ci sono 4 persone e nessuna di loro è vaccinata. Scenario simile al Loreto Mare: dei 45 ricoverati in degenza ordinaria, 17 sono vaccinati, 16 non vaccinati e su 12 sono in corso verifiche; in Terapia Intensiva, invece, ci sono 3 persone, di cui una vaccinata e due non vaccinate. Percentuali paragonabili anche al San Giovanni Bosco, dove di recente sono stati allestiti posti letto di degenza specialistica: 23 ricoverati, di cui 11 vaccinati e 12 non vaccinati.

Al Covid Residence, infine, riservato ad asintomatici e paucisintomatici, ci sono 24 persone, di cui 19 vaccinate e 5 non vaccinate. "La percentuale di non vaccinati in Terapia Intensiva è forte – spiegano fonti dell'Asl Napoli 1 a Fanpage.it – mentre in degenza ordinaria ne abbiamo di meno perché spesso le loro condizioni sono più gravi e quindi vengono ricoverati in reparti a maggiore intensità di cura. Inoltre, sebbene i numeri dei ricoverati appaiano paragonabili tra si vax e no vax, in realtà la popolazione vaccinata è circa l'80%, per cui l'incidenza sui ricoveri dei vaccinati è molto minore rispetto ai non vaccinati". L'Asl ha diffuso nelle scorse ore anche il riepilogo aggiornato alla mezzanotte di ieri (la variazione nel numero dei ricoverati è dovuta alle dimissioni, ai nuovi ingressi e ai trasferimenti).

173 CONDIVISIONI
31053 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni