566 CONDIVISIONI
Opinioni
23 Giugno 2021
17:47

Che orrore: ‘Napule è’ di Pino Daniele sfruttata come slogan dell’azienda dei rifiuti

Napule è, una delle canzoni più belle e significative di Pino Daniele e del suo rapporto con la città, sfruttata per una nient’affatto avvincente campagna sulla raccolta differenziata (fallimentare) in città. Se ne poteva fare a meno: ma chi vi ha consentito di giocare su un testo che è ormai patrimonio della città e di chi la ama?
A cura di Ciro Pellegrino
566 CONDIVISIONI

Ho fatto finta di niente come se «'o fatto nun fosse ‘o mio». Ma all'ennesimo cartellone 6×3 pagato chissà quanto da un comune in bancarotta non ce l'ho fatta più. Scusate, ma come vi permettete di usare una delle canzoni più belle del Novecento napoletano, "Napule è" parafrasandola per uno slogan sulla munnezza? Ma chi siete, ma chi vi ha autorizzato, ma come osate usare Pino Daniele, il "nostro" Pino per uno slogan del genere?

Non so se la famiglia del cantautore scomparso nel 2015 abbia o meno autorizzato, so soltanto che fa schifo questo gioco di parole che rovina una poesia in musica scritta da un Pino poco più che diciottenne, pieno di voglia di vivere e di vedere migliorare la sua città. Chi siete, chi vi ha permesso questo scempio?  E soprattutto: nun ve mettite scuorno?

«Napule è mille culure» dice la canzone che subito dopo unisce i colori alle «mille paure». Volete davvero rovinare questo verso per i bidoncini della raccolta differenziata che a Napoli – lo ricordiamo – è a livelli vergognosamente bassi nonostante le promesse del sindaco uscente?

Ho letto la presentazione della campagna di pubblicità (a proposito, quanto è costata?). Giustifica così la scelta: «La campagna lancia un primo messaggio utilizzando una citazione importante del cantautore Pino Daniele e la sua musica, simbolo della città in cui tutti i napoletani si riconoscono». Quando Pino fu testimonial (2008) di una campagna governativa per la raccolta differenziata lo fece a modo suo e con lo stile di sempre.

I napoletani si riconoscono nella poesia, non nella sua volgarizzazione a uso e consumo di marketing. Volevate davvero usare Pino? Ecco: «Napule è na carta sporca»: è sempre un verso della stessa canzone, ma rivolge la colpa a chi ci governa. Questo non andava bene?

Oppure sarebbe basato consultare un'altra bellissima canzone del mascalzone latino: «Ce sta chi ce penza», la conoscete? Fu scritta ironizzando sul grande mangia-mangia intorno alla Nettezza urbana cittadina negli anni Settanta:  «'A città è cchiù pulita / ma ognuno mette ‘o dito / e ce vo' mangia'». Questa non andava bene?

566 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
Arrestati due carabinieri a Napoli: favorivano clan del Rione Traiano
Due carabinieri sono stati arrestati nell'ambito di una indagine della Dda di Napoli: sono accusati di avere favorito il clan Cutolo
Gaetano Manfredi e lo slogan con Troisi: storia di una scelta sbagliata
Gaetano Manfredi e lo slogan con Troisi: storia di una scelta sbagliata
Protesta degli operai ex Whirlpool all'Aeroporto di Capodichino: bloccate le partenze
Protesta degli operai ex Whirlpool all'Aeroporto di Capodichino: bloccate le partenze
Dal Vesuvio a Pomigliano Jazz: il festival torna con Avitabile, Dave Douglas e Gonzalo Rubalcaba
Dal Vesuvio a Pomigliano Jazz: il festival torna con Avitabile, Dave Douglas e Gonzalo Rubalcaba
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni