2.110 CONDIVISIONI

Napuland, il videogioco dove si combattono parcheggiatori abusivi e incivili a Napoli

Napuland, il videogioco dove il protagonista combatte abusivi e incivili. A Fanpage.it lo sviluppatore Giuseppe Tattoli: “Uscita prevista entro fine 2024”
A cura di Giuseppe Cozzolino
2.110 CONDIVISIONI
Immagine

Un videogioco in cui i nemici sono incivili e parcheggiatori abusivi. Questa l'idea degli sviluppatori di "Napuland", il videogioco ambientato a Napoli nel quale il protagonista dovrà sconfiggere coloro che ne rovinano l'immagine, come appunto gli incivili e gli abusivi. A Fanpage.it lo ha spiegato l'ideatore e lo sviluppatore del progetto, Giuseppe Tattoli, che conta di rilasciare il gioco entro la fine del 2024 sulle piattaforme Windows, almeno inizialmente.

"Napuland è una città bellissima, che viene però invasa dai Lutam", spiega Tattoli, che la rendono invivibile. E quando arrivano a rapire Pulcinella, il simbolo della città, gli abitanti si rivolgono ad una maga che vive sul Vesuvio. La fattucchiera con un incantesimo racchiude tutte le speranze del popolo napulandese in un corno magico, lanciandolo nel vulcano: nasce così Napuel, il supereroe azzurro, chiamato per liberare Napuland dai Lutam e ovviamente Pulcinella, rinchiuso in un Castel dell'Ovo diventato la prigione cittadina.

"Ci sto lavorando da circa due anni, prevedo che uscirà entro fine 2024, forse anche novembre. La prima versione sarà disponibile per Windows, poi successivamente potrei lavorare per un'uscita su Android, magari più leggera", ha spiegato ancora Giuseppe Tattoli a Fanpage.it, "spero di poterlo poi presentare in qualche evento e magari perché no, in presenza di qualche autorità cittadina, come il sindaco Manfredi oppure il deputato Borrelli". Oltre alla programmazione, che Tattoli sta curando interamente, il gioco vede la collaborazione dei Sud Globalix che cureranno "la colonna sonora, che sarà interamente in napoletano, cantata e suonata da loro". Insomma, un gioco "made in Naples" che potrebbe vedere la luce già nei prossimi mesi. "L'obiettivo è quello di sensibilizzare i giovani verso certe tematiche di convivenza civile. Penso che veicolare messaggi positivi ai giovani possa contribuire a costruire una società migliore per tutti".

2.110 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views