689 CONDIVISIONI
Opinioni
17 Maggio 2022
13:00

Anche la camorra è tornata in presenza. La criminalità torna ad assediare Napoli

Servono più agenti in strada? Sicuramente. Serve anche che chi vive quei territori ci metta la faccia e vada a denunciare.
689 CONDIVISIONI

La camorra non se n'è mai andata da Napoli, ma negli ultimi due anni era meno evidente la stretta al collo della città: senza turisti la criminalità predatoria – che poi è mossa da dinamiche di controllo del territorio camorristiche – aveva cercato altro da fare, nel vasto ufficio di collocamento della malavita.

Ora, invece, con l'estate alle porte, il sole, la riapertura post-pandemia, Napoli risente mancare il fiato: la camorra «torna in presenza» post Covid, esattamente come tutte le altre attività. Parcheggiatori abusivi, bande di rapinatori "specializzati" in turisti e poi il racket delle estorsioni che torna ad esigere come ai vecchi tempi se non di più.

Le vicende di cronaca nera sono tante e hanno ancora più risalto d'un tempo per un motivo semplice: ormai chiunque, davanti a fatti del genere, impugna lo smartphone e fa un videoRissa a Marechiaro col figlio del boss che accoltella un coetaneo adolescente; rissa a Posillipo in spiaggia con uno che tenta di affogare l'altro; moto che si fionda su un tavolino ferendo cameriera e turisti a Forcella. Sono solo tre episodi delle ultime ore. Ne avremo molti altri nel corso di quest'estate.

Tante, tantissime segnalazioni viaggiano su internet, poche, pochissime invece quelle negli uffici di commissariati o caserme dei carabinieri. Molta gente non denuncia, preferisce far video per Tik Tok o lamentarsi a mezzo social network: le forze dell'ordine a Napoli costrette a "rincorrere" notizie di reato sui social. Cade anche il falso mito della videosorveglianza che a tutto pone rimedio: mettere telecamere ovunque non debella il problema se poi quelle telecamere non corrispondono a persone che denunciano. Servono più agenti in strada? Sicuramente. Serve anche che chi vive quei territori ci metta la faccia e vada a denunciare.

689 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
Nasce il Comitato liberazione dalla camorra Napoli Ovest, presidente il poliziotto ferito dal racket
Nasce il Comitato liberazione dalla camorra Napoli Ovest, presidente il poliziotto ferito dal racket
Storia di Silvia Rutolo, vittima innocente di camorra, uccisa a Napoli l'11 giugno 1997
Storia di Silvia Rutolo, vittima innocente di camorra, uccisa a Napoli l'11 giugno 1997
Addio a Giannina, la
Addio a Giannina, la "Valeria delle sigarette", storica presenza di piazza Bellini
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni