21 Ottobre 2021
19:46

Movida violenta a Marcianise, per 5 giovani vietato l’accesso ai locali pubblici per 8 mesi

A Caserta divieto d’accesso ai locali pubblici e di stazionamento nelle zone limitrofe per un periodo tra sei ed otto mesi: la misura è stata presa dalla Questura casertana contro i cinque responsabili della violenta rissa avvenuta in pieno centro a Marcianise lo scorso 26 settembre, durante la movida.
A cura di Giuseppe Cozzolino
Immagine di repertorio.
Immagine di repertorio.

Ingresso vietato nei locali pubblici per i cinque giovani che si sono resi responsabili di una violenta rissa nel cuore di Marcianise, durante la notte del 26 settembre scorso e nel cuore della movida della cittadina casertana. Dopo essere stati identificati, per loro è scattato il cosidetto Dacur (Divieto d'accesso alle aree urbane), e dunque per loro dalle 18 del pomeriggio alle 6 del mattino diventa vitato sia entrare nei locali pubblici (bar, pub, ristoranti, birrerie, pasticcerie, gelaterie e via dicendo), né potranno sostare nelle loro immediate vicinanze di tutto il comune di Caserta. La rissa era avvenuta su via Mundo, in pieno centro cittadino.

I provvedimenti verso i cinque ragazzi saranno validi per un periodo tra i sei e gli otto mesi per ciascuno di loro. La movida casertana era finita nell'occhio del ciclone dopo gli episodi della scorsa estate: risse sui lidi estivi durante i party in spiaggia, botte da orbi nei luoghi della movida, e così via. Fino ad arrivare all'accoltellamento di vari giovani, in occasioni diverse: il caso più grave si registrò a fine agosto, con un pugile diciottenne morto dopo una coltellata durante una lite. A fine settembre invece, con il ripetersi di episodi di violenza simili, il sindaco di Marcianise aveva varato un'ordinanza con la quale ha disposto una chiusura forzata per bar, ristoranti e pizzerie: la linea dura del sindaco Antonello Velardi era arrivata proprio per i frequenti casi di risse, violenze e caos dovuti allo sfrenato consumo di alcolici e di assembramenti durante la movida. Ordinanza che resterà in vigore ancora a lungo, fino al maggio del 2022 prossimo.

A Napoli migliaia di giovani in strada per la movida, alcol venduto ai minorenni
A Napoli migliaia di giovani in strada per la movida, alcol venduto ai minorenni
A Cervinara festa con centinaia di giovani nel locale privato, "così si è diffuso il contagio Covid"
A Cervinara festa con centinaia di giovani nel locale privato, "così si è diffuso il contagio Covid"
Movida Napoli, ipotesi chiusura all'una nel weekend. De Iesu: "Ridurre gli orari dei locali"
Movida Napoli, ipotesi chiusura all'una nel weekend. De Iesu: "Ridurre gli orari dei locali"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni