53.385 CONDIVISIONI
Coronavirus
21 Febbraio 2021
11:11

Movida da delirio a Napoli, in migliaia in piazza, feste sul Lungomare, pub aperti oltre mezzanotte

A Napoli migliaia di persone in piazza ieri sera, nella notte della movida, molti senza mascherina nonostante le norme anti-Covid19. Tantissimi giovani in strada a bere oltre l’orario del coprifuoco alle 22. Sul Lungomare di via Partenope un gruppo di ragazzi stava festeggiando una festa di 18 anni, interrotta dai vigili. Delirio in piazza Bellini al centro storico, dove dei balordi hanno lanciato bottiglie anche contro i palazzi. Sanzionati pub e baretti che avevano tavoli occupati e clienti anche oltre le 18 o hanno continuato a servire i clienti per l’asporto anche dopo le 22 e anche dopo mezzanotte.
A cura di Pierluigi Frattasi
53.385 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

A Napoli migliaia di persone in piazza ieri sera, nella notte della movida, molti senza mascherina nonostante le norme anti-Covid19. Tantissimi giovani in strada a bere oltre l’orario del coprifuoco alle 22. Gli agenti della Polizia Municipale sono intervenuti sul Lungomare di via Partenope dove un gruppo di ragazzi, tra cui anche un minore, stava festeggiando una festa di 18 anni. Delirio in piazza Bellini al centro storico, dove dei balordi hanno lanciato bottiglie anche contro i palazzi e all’interno delle scale negli androni e sono dovute intervenire le forze dell’ordine. Sanzionati pub e baretti che avevano tavoli occupati e clienti anche oltre le 18 o hanno continuato a servire i clienti per l’asporto anche dopo le 22. “Tantissime persone – racconta Gennaro Esposito, del Comitato Vivibilità Cittadina – ieri sera tra piazza Bellini e piazza Miraglia sono state costrette a rimanere barricate in casa, a causa di urla, schiamazzi e lanci di bottiglie contro i palazzi”.

via Aniello Falcone
via Aniello Falcone

Assembramenti a via Mezzocannone e Banchi Nuovi

La Campania dalla mezzanotte di stanotte è entrata in zona arancione Covid, con regole anti-contagio più stringenti, e vi resterà per i prossimi 15 giorni. La Polizia Municipale ieri sera, a seguito di segnalazioni alla Centrale Operativa su un grosso assembramento in Largo Banchi Nuovi, denunciato anche a mezzo social da molti cittadini, è intervenuta in sinergia con i carabinieri di Napoli per i controlli sul rispetto delle norme Covid.

Nei pressi di via Santa Chiara un ristoratore della zona era rimasto aperto continuando l'attività di somministrazione, senza rispettare le limitazioni previste dalla normativa nazionale e regionale per il contenimento epidemiologico. Pertanto le pattuglie sono intervenute ritrovando dinanzi al locale decine di giovani, alcuni dei quali intenti ad attendere il turno per entrare e consumare i prodotti venduti.La Centrale Operativa ha disposto quindi un intervento di diverse autoradio della Polizia Locale, volte alla dispersione della folla con particolare attenzione alle ripercussioni di ordine pubblico e sicurezza. Identificato e verbalizzato il proprietario del ristorante, applicando la sanzione accessoria della chiusura per 5 giorni. Sempre nella zona di Mezzocannone sono stati elevati 55 verbali per sosta selvaggia.

Festa di 18 anni in via Partenope

Nella stessa serata gli Agenti dell'Unità Operativa Chiaia, in via Partenope, durante i controlli predisposti sul territorio, hanno sorpreso 8 ragazzi, di cui uno minore, intenti a festeggiare con bottiglie di alcolici il diciottesimo compleanno di una giovane del gruppo. Il minore è stato affidato ad i genitori e per i ragazzi oltre a scattare i previsti verbali sono stati effettuati gli accertamenti ai terminali tramite la Questura della provincia di provenienza per le verifiche di casi Covid tra di essi. Mentre i carabinieri della compagnia Napoli Bagnoli hanno sanzionato per mancato uso della mascherina alcuni cittadini nei pressi degli chalet e dellungomare Mergellina.

In via Ferrigni un bar è stato verbalizzato dalla Polizia Municipale perché sorpreso ad effettuare somministrazione dopo le ore 18, in violazione del Dpcm del 14 gennaio scorso. Ai gradoni di Chiaia, un bar è stato verbalizzato perché sorpreso con tavoli ancora occupati dopo le ore 18 e mentre effettuava servizio di somministrazione ed è scattata anche la sanzione accessoria di 2 giorni di chiusura. Nella zona dei baretti di via Bisignano sono state controllate 4 persone, due di queste, sorprese a bere dopo le ore 18 alcolici sulla strada, sono stati multati.

Al Vomero cena con 15 persone dopo la mezzanotte

Al Vomero elevati 30 verbali per violazione delle norme Covid: assenza di mascherina, consumo di cibi e bevande in strada e persone in giro dopo le 22. Altri 4 verbali per l’assenza di mascherina nella zona di piazza Garibaldi. Sempre al Vomero, passata da poco la mezzanotte, e quindi in piena Zona Arancione, i carabinieri della locale compagnia – allertati dal 112 – sono intervenuti presso un pub di via Malatesta. Qui hanno sorpreso e sanzionato 15 persone che stavano cenando oltre l’orario consentito. La titolare è stata denunciata per omessa visita medica ai 5 dipendenti presenti che erano in “nero”. Locale chiuso per 5 giorni, imprenditrice e dipendenti sanzionati.

Nel complesso, i carabinieri del Comando Provincia di Napoli hanno effettuato controlli a tappeto anti-Covid in tutta la provincia, elevando 104 sanzioni anti-contagio. Verifiche a Napoli in tutta la città, che si sono concentrate in particolare nelle zone della movida e dello “struscio” cittadino. I Carabinieri della compagnia Napoli Centro hanno setacciato le strade: 119 i cittadini identificati di cui oltre 40 con precedenti e 36 i veicoli controllati; 3 i parcheggiatori abusivi denunciati a piede libero e 5 ragazzi segnalati alla prefettura quali assuntori di sostanze stupefacenti. Massimo l’impegno profuso per il rispetto delle normative anti-contagio: 104 le sanzioni in totale e 3 locali chiusi.

Carabinieri impegnati nei controlli anche nell’area Flegrea. I militari della locale compagnia hanno arrestato per spaccio un cittadino di origine africana sorpreso a bordo della sua auto nell’atto di cedere una sostanza stupefacente di tipo eroina a un acquirente segnalato alla Prefettura: 79 persone identificate, 13 di queste sono state sanzionate perché non indossavano la prevista mascherina: 45 i veicoli controllati, 4 mezzi sono stati sequestrati.

 
53.385 CONDIVISIONI
27082 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni