Altro lutto nel mondo della sanità di Avellino, ancora una volta causato dal Coronavirus: è morto il dottor Sergio Pascale, medico molto noto nel capoluogo irpino. Il professionista, primario del reparto di Rianimazione della Clinica Malzoni, molto conosciuta ad Avellino, è deceduto in una struttura sanitaria di Salerno, dove era stato ricoverato lo scorso 25 novembre, dopo che le sue condizioni di salute erano peggiorate in seguito alla scoperta della sua positività al Sars-Cov-2: aveva 69 anni. Nella struttura sanitaria nella quale Pascale prestava servizio da circa 40 anni, qualche settimana fa era esploso un piccolo focolaio, con circa una quindicina di contagiati tra pazienti e operatori, tra cui proprio il primario di Rianimazione. La notizia della morte del dottor Sergio Pascale si è diffusa rapidamente ad Avellino: sono stati tanti i messaggi di cordoglio da parte di colleghi, ma anche di pazienti, che sono apparsi in queste ore sui social network.

La morte del dottor Pascale arriva a pochi giorni di distanza da quella di Mario Claudio Magliocca, primario dell'Unità Operativa di Malattie Infettive dell'ospedale San Giuseppe Moscati di Avellino. Anche Magliocca, come Pascale, è deceduto a causa di complicazioni insorte dopo essere stato contagiato dal Coronavirus: aveva 66 anni. "Il dottore Magliocca ha lavorato fino alla fine in uno dei reparti Covid, con grande umanità, competenza e profondo senso del dovere. La famiglia del Moscati si stringe intorno ai parenti, ai colleghi e agli amici del dottore Magliocca, del quale conserverà sempre vivo il ricordo dell'uomo e del medico" le parole per l'occasione di Renato Pizzuti, direttore generale dell'ospedale di Avellino.