Fermata della Linea 6 della metropolitana di Napoli.

L'Anm assume 134 lavoratori per le metropolitane Linea 1 e 6 e le funicolari di Napoli. Una mega-infornata che prevede l'ingresso di diverse figure professionali, dagli ingegneri ai funzionari. Personale indispensabile per far ripartire la Linea 6 del metrò, ormai ferma dal 2012 e potenziare anche i servizi sulle funicolari e sulla Linea 1. Le assunzioni saranno fatte attraverso una società esterna che farà i bandi di selezione. "Quando si assume del personale – commenta il presidente della commissione Trasporti, Nino Simeone – è sempre una buona notizia, ma l'azienda potrebbe anche valorizzare il personale interno riqualificandolo e non dimenticare i giovani reclutati tramite agenzia interinale da due anni, professionalità da non sprecare".

Il piano delle assunzioni è stato illustrato stamattina dall'Anm, l'azienda napoletana della mobilità di proprietà del Comune di Napoli, ai sindacati. "Secondo il piano approvato il 6 aprile 2020 – scrivono Filt-Cgil, Uiltrasporti, UglFna – l’azienda, avvalendosi di una società esterna, procederà all’emanazione di bandi per la ricerca delle seguenti figure professionali da inserire nell’area ferro (linea 1, funicolari e linea 6):

  • 12 unità con laurea ingegneria (elettronica, elettrotecnica, informatica);
  • 8 unità con diploma di geometra e perito meccanico (elettrotecnico, elettronico, informatico);
  • 68 unità con diploma di perito meccanico;
  • 12 unità con diploma per macchinisti (già abilitati);
  • 9 unità con diploma per capostazione (già abilitati);
  • 25 unità con diploma per agenti di stazione;

L’azienda procederà, secondo la norma, a ricercare prima tali figure nell’ambito delle partecipate, contestualmente, in riferimento ai titoli di studio individuati per i bandi, si effettuerà uno screening interno per verificare eventualmente la presenza di agenti con i titoli in questione, ricognizione in parte già effettuata in base al database presente in azienda. Solo successivamente si attiveranno le procedure concorsuali.
Relativamente agli agenti di stazione, su sollecitazione delle OO.SS. ed in base agli accordi sottoscritti, l’azienda si è resa disponibile a procedere con la mobilità interna, gomma-ferro (da individuare i criteri). A tal fine, in considerazione del piano stralcio già approvato, l’azienda provvederà ad una modifica parziale che, in luogo del numero di agenti di stazione prevederà, previo autorizzazione, l’inserimento di operatori di esercizio a “saldo invarianti”.

Sempre relativamente agli O.E., in attesa della definizione di un piano assunzionale specifico, su cui incideranno le valutazioni economiche finanziarie di prospettiva, l’azienda proseguirà con la somministrazione degli interinali.
Attese tutte le verifiche da compiersi e nell’auspicabile ripresa delle regolari relazioni industriali, è stato previsto un aggiornamento non appena ci saranno sviluppi in materia.