In Campania così come in gran parte del Paese è attivo quello che i meteorologi definiscono "vasto campo di alta pressione" che arroventa l'Italia. Parliamo del vasto anticiclone che si espande, in queste ore, dall'Africa verso l'Italia: da Nord a Sud la colonnina di mercurio aumenta sensibilmente e il tempo si mantiene piuttosto stabile su tutte le regioni. Entro domenica però il tempo peggiora nuovamente. Il team del sito Ilmeteo comunica che le giornate più calde di questa prima parte dell'estate saranno quelle di venerdì 31 luglio e sabato 1 agosto, soprattutto nelle zone interne, tant'è che a Napoli città non c'è alcun allerta per ondate di calore anche se le temperature supereranno i 35 gradi Celsius.

Insomma, il primo weekend del mese di agosto sarà caratterizzato dal sole cocente: attenzione però, perché le insidie sono dietro l'angolo. Nella giornata di domenica 2 agosto un fronte temporalesco alimentato da un vortice ciclonico in discesa dal Nord Europa si avvicinerà all'Italia, provocando i primi fenomeni temporaleschi a partire dall'arco alpino centro-occidentale. Visti i forti contrasti termici, non è esclusa la formazione di imponenti celle temporalesche con il serio rischio di grandinate in sconfinamento che tuttavia non dovrebbero riguardare le aree meridionali.

Che si tratterà di un fine settimana all'insegna del caldo torrido in tutta Italia lo testimonia l'ultimo bollettino delle ondate di calore diffuso dal ministero della Salute: ci saranno condizioni da "bollino rosso" (allerta di livello 3) domani 31 luglio in 10 città e sabato 1 agosto in 14. Si tratta – spiega il bollettino – di "ondate di calore con possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive e non solo sui sottogruppi a rischio quali anziani, bimbi molto piccoli e affetti da patologie croniche". Tuttavia non c'è nessuna città della Campania nell'elenco.