111 CONDIVISIONI
10 Settembre 2021
12:39

Luigi Cesaro, disposti gli arresti domiciliari. Ma serve l’ok del Senato

Il gip di Napoli ha disposto gli arresti domiciliari per il senatore di Forza Italia Luigi Cesaro, a cui gli inquirenti contestano il reato di concorso esterno in associazione camorristica. La richiesta della misura cautelare dovrà ora essere sottoposta al Senato per ricevere eventuale approvazione.
A cura di Valerio Papadia
111 CONDIVISIONI

Sono stati disposti gli arresti domiciliari per il senatore di Forza Italia Luigi Cesaro: lo ha deciso il gip del Tribunale di Napoli nell'ambito dell'inchiesta che vede l'ex presidente della Provincia di Napoli accusato di concorso esterno in associazione camorristica. Adesso, però, la richiesta della misura cautelare dovrà essere sottoposta al Senato, che dovrà votare affinché si proceda oppure contro l'applicazione degli arresti. Questa mattina, i carabinieri hanno notificato al senatore la misura cautelare.

I legali del senatore Cesaro, gli avvocati Alfonso Furgiuele e Michele Sanseverino, in merito alla vicenda hanno fatto sapere: "Dopo aver preso visione del contenuto dell’ordinanza applicativa della misura cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, dott.ssa Miranda, rileviamo innanzitutto che già l’ufficio del pm ha rivisto l’originaria richiesta cautelare, invocando la sottoposizione agli arresti domiciliari invece della custodia cautelare in carcere".

"Comunque – proseguono gli avvocati di Cesaro – all’esito di un primo rapido esame della motivazione del provvedimento, riteniamo che esso sia meritevole di una ferma censura, sia in ordine al profilo della gravità indiziaria sia a quello dell’esistenza e permanenza attuale delle esigenze cautelari. Pertanto, indipendentemente dalla decisione che verrà adottata dal Senato in ordine alla richiesta di autorizzazione all’arresto, intendono immediatamente proporre istanza di riesame al Tribunale ‘della libertà' di Napoli".

111 CONDIVISIONI
"Sappiamo dove votate...": arrestato l'autore del messaggio Whatsapp intimidatorio durante le elezioni a Salerno
"Sappiamo dove votate...": arrestato l'autore del messaggio Whatsapp intimidatorio durante le elezioni a Salerno
Scarcerato e arrestato: il boss Cimmino torna in carcere per l'inchiesta su camorra e ospedali
Scarcerato e arrestato: il boss Cimmino torna in carcere per l'inchiesta su camorra e ospedali
Appalti truccati in Campania, dieci arresti: c'è anche il consigliere regionale Nino Savastano
Appalti truccati in Campania, dieci arresti: c'è anche il consigliere regionale Nino Savastano
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni