2.591 CONDIVISIONI
3 Giugno 2021
16:37

La bella lettera d’addio del prof agli studenti: “Non siate mai ostili al sapere, sarà la vostra arma”

Antonio, giovane (e precario) docente di Spagnolo all’Istituto Comprensivo ‘Sabatino Minucci’ di via Domenico Fontana a Napoli, ha commosso studenti e genitori con una lettera d’addio destinata agli allievi che ha istruito per un anno: “Ragazzi, mi raccomando, non perdete mai la vostra energia: vivete sempre la vita a 360 gradi, quella vita che vi è stata un po’ negata nell’ultimo anno e mezzo”.
A cura di Ciro Pellegrino
2.591 CONDIVISIONI

Antonio è un giovane docente di lingua spagnola, supplente all'Istituto Comprensivo ‘Sabatino Minucci' di via Domenico Fontana a Napoli. Qualche giorno fa, ha spedito ai suoi studenti, in previsione della chiusura di un anno scolastico strano, con più giorni davanti al computer che in presenza, con la tensione del Covid e dei contagi, una lettera per farli volare in alto, molto più dei guai di tutti i giorni, così come è giusto che un adolescente faccia. La lettera è così piaciuta ai ragazzi e ha commosso così tanto i loro genitori che è iniziata a volare di bocca in bocca (parliamo delle famigerate chat  scolastiche Whatsapp).

Antonio si è con molta modestia sottratto a tanti complimenti spiegando ai genitori il motivo della lettera: «Sono un giovane docente con pochissima esperienza e ho scelto questo mestiere da quando ero piccolo». Per il prof di Spagnolo non c'è speranza di entrare di ruolo a questo giro, ma sicuramente ha una certezza: quella di aver lasciato un bel ricordo.

Cari ragazzi,

È mia abitudine salutare i "miei' alunni con un pensiero, un ricordo del percorso condiviso in questi mesi. Ho deciso di farlo adesso, anche se non siamo ancora alla fine vera della scuola, perché non vorrei che qualcuno non venisse e non riuscissi a beccarlo, soprattutto visto il fatto che noi ci vediamo soltanto una volta la settimana.

Innanzitutto trovo doveroso ringraziarvi, vi ringrazio per l'attenzione, a volte maggiore, a volte minore, che avete dedicato in questi mesi a me, a ciò che ho provato a spiegarvi e al mondo, quello della Spagna e dello spagnolo, nel quale ho provato ad accompagnarvi; vi ringrazio per la vostra curiosità che mi ha sempre stimolato e soddisfatto; vi ringrazio anche per la vostra vivacità che, se da un lato mi ha messo alla prova, dall'altro l'ho sempre vista come sintomo di estrema intelligenza e interesse; vi ringrazio per l'affetto che mi avete, chi in un modo, chi in un altro, dimostrato; vi ringrazio per esservi fatti conoscere, chi prima e chi dopo, per quello che siete realmente. Ognuno di voi, con il vostro modo di essere, mi ha insegnato molto e forse, nemmeno potete immaginarlo, ma ognuno di voi mi ha dato un "pezzetto di sé" che contribuirà a completarmi come docente e come persona.

E per questo vi sono immensamente grato.

Ragazzi, mi raccomando, non perdete mai la vostra energia: vivete sempre la vita a 360 gradi, quella vita che vi è stata un po' negata nell'ultimo anno e mezzo.

Ridete, scherzate, piangete, arrabbiatevi anche quando necessario, giocate, siate ubbidienti nei confronti dei vostri genitori, crescete e studiate. Soprattutto studiate. Non siate mai ostili nei confronti del sapere e della cultura perché questa, e ve ne renderete sempre più conto negli anni, sarà spesse volte la vostra arma migliore per difendervi da ciò che vi circonda. State insieme, siate uniti, cercate di conoscervi sempre più prontamente e di tutelarvi l'un l'altro.

Le amicizie lunghe, durature, quelle che un domani potrete definire "storiche", sono tra le cose più preziose che potreste portarvi dalla vostra permanenza in questa scuola. Vi auguro di continuare il vostro percorso scolastico e di vita nel migliore dei modi, come meritate. Siete tutti speciali, nessuno escluso, con i vostri carattere e le vostre personalità e scoprirvi poco alla volta è stato davvero bello e stimolante. È stato davvero un onore ma soprattutto un immenso piacere stare con voi, lavorare e condividere del tempo insieme.

Mi raccomando, l'anno prossimo fatemi fare bella figura con la vostra insegnante. Non dimenticate le cose che abbiamo fatto insieme, Rendetemi fiero di voi, come Io sono già stato in questi mesi.
Un abbraccio.

Saludos

2.591 CONDIVISIONI
Studente morto nella Facoltà di Lettere e Filosofia a Napoli: cade nel vuoto, deceduto sul colpo
Studente morto nella Facoltà di Lettere e Filosofia a Napoli: cade nel vuoto, deceduto sul colpo
Il record della Campania: ha vaccinato tutto il personale scolastico contro Covid-19
Il record della Campania: ha vaccinato tutto il personale scolastico contro Covid-19
"Green Pass a scuola? Nessuno può obbligare studenti e prof. Il Convitto di Napoli ci ripensi"
"Green Pass a scuola? Nessuno può obbligare studenti e prof. Il Convitto di Napoli ci ripensi"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni