202 CONDIVISIONI

La storia di Carmine, 14 anni, malato terminale: 1.800 euro per un’ambulanza privata da Napoli a Civitanova

La storia di Carmine, 14 anni malato oncologico terminale, raccontata dall’associazione “I nodi d’amore”
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Napoli Fanpage.it
A cura di Redazione Napoli
202 CONDIVISIONI
Immagine

«Ma lei che farebbe? Non cercherebbe di assicurare tutto il possibile, tutte le cure e gli esami possibili ad una persona cara?». Giovanni Gravili dell'associazione "I nodi d'amore" è arrabbiato quando racconta la storia di Carmine, 14 anni, malato oncologico terminale. Motivo? La famiglia di questo adolescente pagherà 1.800 euro per una ambulanza privata che lo porterà da Napoli, la sua città, a Civitanova Marche, dove il ragazzo dovrebbe sottoporsi a nuovi esami diagnostici per vagliare ulteriormente la sua situazione clinica.

Le condizioni di Carmine, spiega Gravili, sono drammatiche. Ma i genitori non si arrendono e vogliono tentare ogni esame, ogni cura: «Abbiamo avviato una staffetta solidale importante facendo arrivare al ragazzo dei doni speciali di personaggi dello sport  da lui amati, ha reagito positivamente a questi stimoli. È  vergognoso che la sanità pubblica non lo aiuti e non aiuti la sua famiglia». Il riferimento è al recente caso di Indi Gregory, su cui il governo italiano si è mosso offrendo il trasferimento della bambina inglese di 8 mesi in Italia, visto che l'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, che si era offerto di seguire il caso.

Per Carmine va diversamente. In sostanza, in questa situazione il trasporto del malato verso una struttura privata non è a carico del sistema sanitario nazionale. Da oltre 5mila euro per il trasporto ambulatoriale con medico anestesista (sono circa 360 km di viaggio), l'associazione "I nodi d'amore' è riuscita a ad arrivare con una concertazione a 1.800 euro di spesa. «Ecco – continua Gravili –  uno Stato civile sarà veramente tale quando dimostrerà interesse per tutti coloro che possono permettersi tali privilegi.  A tal proposito crediamo che sia necessaria ed urgente una immediata riforma della sanità che possa garantire fattivamente e non solo astrattamente il diritto alla salute di tutti i cittadini. La salute è un diritto di tutti e non un privilegio di pochi».
.

202 CONDIVISIONI
Napoli, la protesta degli agricoltori: i trattori sfilano sul Lungomare
Napoli, la protesta degli agricoltori: i trattori sfilano sul Lungomare
Feste e inchieste nell’impero Sonrisa: la storia della famiglia Polese
Feste e inchieste nell’impero Sonrisa: la storia della famiglia Polese
Prestava soldi a persone in difficoltà, le vittime pagavano anche il 240% di interessi: arrestato un uomo
Prestava soldi a persone in difficoltà, le vittime pagavano anche il 240% di interessi: arrestato un uomo
Le case popolari al Rione Amicizia occupate dalle famiglie del clan Contini-Bosti: 17 sequestri
Le case popolari al Rione Amicizia occupate dalle famiglie del clan Contini-Bosti: 17 sequestri
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni