282 CONDIVISIONI
L'arte del pizzaiuolo napoletano patrimonio UNESCO

La pizza crea dipendenza: una sinfonia di ingredienti fa felice il cervello

Pizza crea dipendenza per la ‘sinfonia’ degli ingredienti: una spettacolare combinazione tra grassi, zucchero e sale che fa felice il cervello (oltre che il palato e l’olfatto). È quanto emerge da un approfondimento di Cnn Health che ha ascoltato esperti in stimoli sensoriali: merito di mozzarella, pomodoro, pasta cotta al forno.
A cura di Redazione Napoli
282 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'arte del pizzaiuolo napoletano patrimonio UNESCO

La pizza crea dipendenza? Qualcuno che non può proprio farne a meno, tanto da farla inserire perfino tra gli alimenti concessi dal nutrizionista nella dieta settimanale, ne è assolutamente convinto: cos'è una settimana senza una grande pizza, meglio se margherita dop alla napoletana? Detto ciò, pare che questo modo di dire sia sostanziato anche scientificamente: un approfondimento online su Cnn Health, che parte dai risultati di uno studio di qualche anno fa, cerca di dimostrare infatti che la pizza è il cibo numero uno tra quelli che creano un sintomo associabile alla dipendenza.

Gail Vance Civille ha fondato di Sensory Spectrum, ovvero un'azienda di consulenza che aiuta le imprese a comprendere come gli stimoli sensoriali guidano le percezioni dei consumatori. E spiega: "Sono affascinato dal fatto che le persone mangino quasi ogni tipo di pizza, non necessariamente la ‘migliore'. E sicuramente ciò è collegato alla scelta superba di ingredienti che contengono grassi, zucchero e sale, che soddisfa l'amigdala, un'area cerebrale, e rende il cervello molto felice".

Nello stesso reportage Cnn, parla Herbert Stone, analista sensoriale: "Una buona combinazione tra la base, la mozzarella costituisce un abbinamento complementare di ingredienti aspri e piccanti. Poi c'e' il pomodoro cotto "con un carattere fruttato, che completa il formaggio". Anche i colori secondo gli studiosi giocano un ruolo importante nella capacita' di far venire l'acquolina in bocca. Una sinfonia, dunque, tra ingredienti, colori, odori e sapori. Non stupisce quindi che negli Stati Uniti le degustazioni di questo patrimonio Unesco vengano identificate come "Esperienze"

282 CONDIVISIONI
Quando Domino's (che ha chiuso in Italia) diceva di voler vendere le sue pizze a Napoli
Quando Domino's (che ha chiuso in Italia) diceva di voler vendere le sue pizze a Napoli
L'ossessione di rendere la pizza un piatto di lusso: ce n'è una ricoperta d'oro, costa 99 euro ed è veneta
L'ossessione di rendere la pizza un piatto di lusso: ce n'è una ricoperta d'oro, costa 99 euro ed è veneta
Le vie della pizza sono infinite: ma quella con le fragole fa storcere il naso a molti
Le vie della pizza sono infinite: ma quella con le fragole fa storcere il naso a molti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni