Eduardo De Filippo non fu soltanto drammaturgo e attore: compose e pubblicò anche numerose poesie di successo, una parte delle quali pubblicate nel 1975 da Einaudi in un bel volume. Eduardo scrisse dei suoi stati d'animo, ma anche per ricordare dolorose perdite come quella di Pier Paolo Pasolini e di Anna Magnani, scrisse per la compagna Isabella, scrisse perfino un poemetto di cucina, molto apprezzato e divertente "Si cucine comme voglio io". La poesia che segue, si intitola "Ncopp a sta terra" e parla dell'anno che va via e di tutti gli anni che piano piano iniziano a pesare nella vita di una persona. È, come in molte produzione eduardiane, un testo malinconico e amaro.

Ncopp a sta terra

"Te pare luongo n’anno
e passa ambressa;
quann’è passato se ne va luntano;
ne passa n’ato
e quanno se n’è gghiuto
corre pur’isso nziem’ a chillo ‘e primma,
e nzieme a n’ati cinche
vinte
trenta
se ne vanno pe’ ll’aria
ncopp’ ‘e nnuvole.
E ‘a llà tu siente comm’ a nu frastuono
ch’è sempe ‘o stesso
‘a quanno ‘o munno è munno
ncopp’ a sta terra:
comme si fosse ‘a banda d’ ‘o paese
ca scassèa mmiez’ ‘o vico
e s’alluntana.
Trase int’ ‘e rrecchie quanno sta passanno
e nun ‘a siente cchiù quann’è passata.
Ma na cosa te resta:
sa che te rummane?
Te rummane ‘o ricordo ‘e nu mutivo
comme fosse na musica sperduta
‘e nu suonno scurdato,
ca t’è paruto vivo
chiaro cchiù d’ ‘o ccristallo
dint’ ‘o suonno
e nun ‘o puo’ cunta’ quanno te scite
manc’a te stesso,
tanto è fatto ‘e niente.

Eduardo De Filippo

Traduzione in italiano: Su questa Terra di Eduardo De Filippo

Ti sembra lungo un anno
e passa presto;
quando è passato se ne va lontano;
ne passa un altro
e quando se ne è andato
corre anche lui insieme a quello di prima,
e insieme altri cinque
venti

trenta
se ne vanno per l'aria
sopra le nuvole.
E di la che tu senti come un frastuono
che è sempre lo stesso
da quando il mondo è mondo
su questa terra:
come se fosse la banda del paese
che suona in mezzo al vicolo
e si allontana
entra nelle orecchie quando sta passando
e non la senti più quando è passata.
Ma cosa ti resta:
sai cosa ti rimane?
Ti rimane il ricordo di un motivo

come se fosse una musica perduta
un sogno dimenticato,
che ti è sembrato vivo
chiaro più di un cristallo
dentro al sogno
e non lo puoi raccontare quando ti svegli
neanche a te stesso,
tanto è fatto di niente.