video suggerito
video suggerito

Incendio con fumi tossici a Sarno, il sindaco: “Chiudete finestre e condizionatori”

L’allarme nel raggio di 2 chilometri. Il primo cittadino ha vietato con ordinanza il consumo di frutta e ortaggi, il pascolo e l’uso di acqua dai pozzi.
A cura di Pierluigi Frattasi
34 CONDIVISIONI
Immagine

Un grosso incendio con fumi potenzialmente tossici è scoppiato ieri pomeriggio a Sarno, in provincia di Salerno. Il rogo è divampato all’interno dell’azienda "Cermetal srl" che commercia rottami ferrosi e materiale non ferroso, in Via Ingegno, nell'Area industriale Pip di Sarno, lotto numero 17. Una enorme colonna di fumo nero e acre si è levata in cielo, visibile per diversi chilometri. L'incendio è stato domato dai vigili del fuoco, ma i fumi si sono sparsi sul territorio.

L'ordinanza del sindaco: "Finestre chiuse in 2 km"

Il sindaco di Sarno, Giuseppe Canfora, ha firmato una ordinanza con la quale, in via precauzionale, viene comunicato ai residenti nel perimetro di 2 chilometri dal rogo di spegnere i condizionatori, chiudere finestre e balconi, ed ha posto il divieto del consumo e di vendita di frutta e ortaggi raccolti dopo il rogo.

Immagine

Stop uso acqua, frutta e verdura

L'ordinanza prevede anche il divieto di usare l'acqua di vasche e pozzi non protetti per fini alimentari e il divieto di pascolo. Il primo cittadino ha chiesto ai responsabili dell’Ospedale "Martiri Villa Malta" di Sarno di chiudere le finestre. I provvedimenti sono stati emessi in via cautelare, nell'attesa dei risultati del monitoraggio degli inquinanti nell'aria da parte dell'Arpac.

A fuoco un deposito con materiali pericolosi

L'incendio ha interessato detriti ferrosi depositati su un piazzale a cielo aperto di circa 1.500 metri quadrati. Le fiamme sono state domate dai vigili del fuoco, intervenuti con diverse autobotti sia dai distaccamenti di Nocera e Sarno sia dal Comando di Napoli. L'Arpac oggi ha attivato le centraline per monitorare l'aria per la ricerca, rispettivamente, di diossine-furani e di polveri sottili e metalli pesanti.

I controlli dell'Arpac sugli inquinanti

È stato inoltre posizionato un laboratorio mobile per i rilievi sulla qualità dell’aria, in grado di monitorare un ampio set di inquinanti tra cui PM10, PM2.5, benzene, toluene, xilene, monossido di carbonio, ossidi di azoto. Nella serata di ieri i campionatori sono stati attivati da personale tecnico del Dipartimento Arpac di Salerno e nella serata di oggi, al termine del primo ciclo di campionamento, verranno prelevati i filtri e analizzati al più presto presso i laboratori agenziali, in particolare della sede di Agnano per i Siti contaminati e le bonifiche.

I risultati verranno diffusi nei prossimi giorni, nei tempi tecnici necessari per l’elaborazione degli esiti analitici. In sede di primo intervento, scattato in collaborazione con i Vigili del fuoco, i tecnici dell’Agenzia hanno anche fornito indicazioni per il contenimento delle conseguenze ambientali dell’evento in sinergia con l’amministrazione comunale di Sarno.

34 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views