14 Ottobre 2021
17:30

In Campania dall’inizio pandemia di Coronavirus sono morte 8.000 persone

La Campania ha raggiunto quota ottomila decessi per Covid dall’inizio della pandemia. Ma il numero, che aveva visto una violenta impennata a partire proprio da ottobre 2020, è rallentato negli ultimi mesi grazie alla massiccia campagna vaccinale, che ha fatto sì che i contagiati non sviluppassero il virus nella forma più grave. A morire e a riportare i danni più seri, infatti, sono ormai quasi esclusivamente i non vaccinati.
A cura di Giuseppe Cozzolino

La Campania raggiunge gli ottomila morti per Covid-19 da inizio pandemia. Un dato che porta la regione ad essere la sesta in Italia per numero di morti nell'ultimo anno mezzo, da quando cioè si registrò il primo caso di Coronavirus anche in Campania. Il primo bollettino ufficiale della Regione Campania risale al 12 marzo 2020, mentre il primo decesso "ufficiale" risale al 6 marzo precedente. Ma se la prima ondata, ed il lockdown di marzo-aprile, frenarono l'escalation di contagi, ricoveri e decessi nella regione amministrata da Vincenzo De Luca, dopo l'estate 2020 la seconda ondata non è stata così clemente. I numeri del resto parlano chiaro: quasi quattromila contagi al giorno nell'ottobre 2020, quando tuttavia non c'era ancora il vaccino. E la differenza, a distanza di un anno, si vede nei numeri.

Un anno fa si registravano 3.669 casi di nuovi positivi in un giorno, mentre negli ospedali erano ricoverate oltre 1.500 persone, di cui 168 nei reparti di terapia intensiva, ed altre 1.403 nei reparti di degenza ordinaria. Oggi, i numeri sono molto più bassi: nell'ultimo bollettino si sono registrati appena 313 positivi, e negli ospedali della regione ci sono appena 17 persone ricoverate in terapia intensiva ed altre 172 nei reparti di degenza ordinaria. Il numero di decessi, seppur abbassatosi considerevolmente con l'inizio della campagna vaccinale di massa, ha però portato gradualmente a raggiungere quota ottomila persone decedute. Di fatto, oggi a morire di Covid sono quasi esclusivamente persone senza copertura vaccinale, che contraggono il virus nella sua forma più violenta e letale, non facendo più alcun "distinguo" per età: a contrarre il virus, infatti, sono ormai anche i più giovani a dimostrazione che il virus non ha mai smesso di circolare, anche se la campagna vaccinale ha permesso di "isolarlo" ed evitare una quarta ondata.

La situazione di venerdì 1 ottobre sul Coronavirus in Campania
La situazione di venerdì 1 ottobre sul Coronavirus in Campania
La situazione di giovedì 30 settembre sul Coronavirus in Campania
La situazione di giovedì 30 settembre sul Coronavirus in Campania
La situazione di sabato 2 ottobre sul Coronavirus in Campania
La situazione di sabato 2 ottobre sul Coronavirus in Campania
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni