Nel territorio del comune di Cellole, in provincia di Caserta, i minori di 18 anni non potranno uscire di casa dalle 18 alle 23 se non accompagnati da un adulto; dalle 23 alle 5 scatta il coprifuoco della Regione Campania, valido fino alle 5 del giorno successivo. Le nuove norme più stringenti, che impongono un coprifuoco ancora più esteso per i minorenni, sono state introdotte dal sindaco Guido Di Leone con l'ordinanza numero 7. Con lo stesso provvedimento è stato introdotto il divieto di stazionare sulla villetta di Santa Lucia, valido per chiunque, a prescindere dall'età, e a qualsiasi ora della giornata. Sono state date disposizioni alla Polizia Municipale di Cellole e alla Protezione Civile di monitorare gli assembramenti.

Il sindaco Di Leone ha annunciato il contenuto della nuova ordinanza con un post su Facebook. "Sicuro che comprenderete tali restrizioni – scrive, rivolgendosi ai concittadini – chiedo a tutti di collaborare e contestualmente di creare comunità. Andiamo avanti".

Un provvedimento simile era stato introdotto nei giorni scorsi dal Comune di Melito, in provincia di Napoli, dal sindaco Antonio Amente. Anche quello indirizzato ai minorenni, impone il coprifuoco alle ore 20. Con la stessa ordinanza il Primo Cittadino di Melito aveva disposto la chiusura di sale slot e sale scommesse e vietato a bar e simili di trasmettere eventi sportivi, culturali e di qualunque altro tipo che possano creare assembramenti.

Oggi in Campania i nuovi positivi sono 3.699 (di cui 3.477 asintomatici e 192 sintomatici), su 20.860 tamponi. Il numero dei contagiati dall'inizio dell'epidemia in regione arriva quindi a 55.740 persone. Nelle ultime 24 ore si registrano 275 guariti (in totale 11.337) e 14 deceduti (in totale 673).