481 CONDIVISIONI
5 Giugno 2021
17:20

Il sindaco di Avellino Festa: “Concertoni nel nuovo stadio. E per la Dogana Fuksas ci ripenserà”

Il sindaco di Avellino, Gianluca Festa, a Fanpage.it: “Sul progetto di restyling della Dogana sono fiducioso che l’archistar Fuksas ci ripenserà. Puntiamo al rilancio internazionale della città, con un nuovo stadio dove fare oltre al calcio anche grandi concerti ed a portare eventi importanti come il Dino Park”.
Intervista a Gianluca Festa
Sindaco di Avellino
A cura di Pierluigi Frattasi
481 CONDIVISIONI

“Ad Avellino abbiamo energie sane e tanta voglia di crescere a livello internazionale. Il restyling della Dogana affidato ad un archistar come Fuksas può creare quel trampolino per far conoscere nel mondo anche le altre bellezze della città. Sono fiducioso che, nonostante le polemiche, il grande architetto possa ripensarci perché ho visto fin dall’inizio il suo entusiasmo per il progetto. Ma il rilancio di Avellino non finisce qui. Puntiamo al nuovo stadio dove fare oltre al calcio anche grandi concerti e portare eventi importanti oltreché attività commerciali. Inoltre, qui, nella terra di tre rinomati Docg, stiamo organizzando un evento internazionale perché vogliamo Avellino tra le capitali del vino italiane. Stiamo anche lavorando per realizzare il primo Dino Park del Mezzogiorno”. Non ha dubbi il sindaco di Avellino Gianluca Festa, che a Fanpage.it assicura: “Faremo conoscere la nostra città nel mondo e ci lasceremo alle spalle la pandemia del Coronavirus”.

Sindaco, ci sono ancora margini per affidare il progetto della Dogana a Fuksas?

Massimiliano Fuksas è un fuoriclasse dell’architettura, tra i primi al mondo, e per me è per tutta la nostra comunità, la sua accettazione ha rappresentato un motivo di grande orgoglio e soddisfazione. Avellino ha una grande tradizione storica, ma noi vogliamo darle opere di livello internazionale. Per questo ho voluto coinvolgerlo nel progetto della Dogana, così da poter garantire a questo nostro monumento, prestigio e fama internazionali. Fuksas ha subito mostrato grande entusiasmo per l’opera e si è calato perfettamente nella nostra realtà apprezzandone lo spirito e la voglia di riscatto e di ripresa. È una persona eccezionale. Ho perfettamente compreso il suo disappunto e l’amarezza quando di fronte alle polemiche divisive si è detto pronto a fare un passo indietro. Ma gli ho detto che, come sempre capita in ogni scelta, c’è una percentuale che non è d’accordo, ma che in questo caso la gran parte della comunità sarebbe fiera di poter avere la sua firma sotto il progetto della Dogana. Sono fiducioso che ci siano margini per un suo ripensamento”.

Ci sono altri progetti in cantiere per la città?

Stiamo costruendo un brand per la città di Avellino che finora non esisteva. Vogliamo una enjoy city con una migliore qualità della vita e servizi ai cittadini, affinché i nostri giovani non vadano via e le famiglie siano felici di viverci. Stiamo lavorando per creare attrazioni culturali, sportive.

Qual è la sfida per i prossimi anni ad Avellino?

Puntare sul turismo, cosa che non è mai stata fatta. Per molto tempo siamo stati una provincia clientelare, nella quale ha regnato l’assistenzialismo. Per invertire questa rotta abbiamo detto: vogliamo puntare su noi stessi. Basta chiedere l’elemosina.

Quanto ha influito il Coronavirus sull’economia della città?

La pandemia per noi è stato un secondo sisma. È il momento peggiore dopo il terremoto dell’80. Come ci risolleviamo? Attraendo visitatori ed anche imprenditori seri che abbiano la voglia di investire nella nostra città. Per fortuna abbiamo un tessuto imprenditoriale sano e tante energie e risorse umane . Un nostro obiettivo è rilanciare l’economia e creare posti di lavoro anche attraverso persone che vogliano investire qui. Abbiamo le infrastrutture e siamo ben collegati: siamo a 30 minuti dall’alta velocità di Afragola e a 35 minuti dall’Aeroporto di Capodichino.

481 CONDIVISIONI
Annullata la festa per l'inaugurazione dello stadio a Maradona del 29 luglio
Annullata la festa per l'inaugurazione dello stadio a Maradona del 29 luglio
A Napoli festa per inaugurare lo Stadio Maradona il 29 luglio: 500 bimbi formeranno Dios
A Napoli festa per inaugurare lo Stadio Maradona il 29 luglio: 500 bimbi formeranno Dios
Ad Avellino vietata la vendita di alcolici da asporto dopo le 21 fino al 31 agosto
Ad Avellino vietata la vendita di alcolici da asporto dopo le 21 fino al 31 agosto
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni