immagine di repertorio
in foto: immagine di repertorio

Magazzini, due ville, autorimesse, vari appartamenti, un terreno da 500 metri quadrati, per un valore complessivo di tre milioni di euro. Un tesoro immobiliare diviso tra sette comuni tra Campania e Lazio, tutto riconducibile alla stessa persona: un 64enne di Villaricca (Napoli), riconosciuto dalle forze dell'ordine come "noto truffatore". Per i beni è scattato questa mattina il sequestro, arrivato al termine delle indagini patrimoniali dei carabinieri di Giugliano, Caserta e Latina e motivato dalla "macroscopica proporzione tra i redditi dichiarati e quelli realmente posseduti".

Destinatario del provvedimento, emesso dal Tribunale di Napoli, sezione per l'applicazione delle misure di prevenzione, è Vincenzo Aliano, attualmente agli arresti domiciliari per vicende pregresse e con precedenti per associazione per delinquere, possesso e fabbricazione di documenti di identificazione, sostituzione di persona, accesso abusivo a sistema informatico/telematico, violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza, truffa e ricettazione. L'uomo è tra i 10 finiti in manette il 26 febbraio 2019, quando la Guardia di Finanza di Napoli smantellò una banda che rubava e ricettava assegni bancari e circolari inviati tramite posta; nella circostanza era scattato anche il sequestro preventivo per beni per 5 milioni di euro.

Il gruppo, avevano ricostruito le Fiamme Gialle, metteva le mani su risarcimenti e premi assicurativi; gli assegni venivano rubati durante la spedizione nel Centro Meccanizzazione Postale di Roserio (Milano) da tre dipendenti, che li consegnavano proprio ad Aliano, riconosciuto come il capo dell'organizzazione. A quel punto l'uomo, aiutato anche dal figlio, si rivolgeva ai "cambiatori", che incassavano gli assegni su conti correnti aperti da pochi giorni e appena possibile prelevavano il denaro. Secondo le stime il gruppo tra il 2016 e il 2017 aveva monetizzato 250 assegni, incassando somme per circa 370mila euro.

Nel dettaglio, col provvedimento eseguito oggi dai carabinieri sono finiti sotto chiave 4 magazzini, 7 appartamenti, 9 autorimesse, 2 villini, 2 lastrici solari e un terreno di circa 500 metri quadrati, situati tra i comuni di Giugliano in Campania, Qualiano, Villaricca, in provincia di Napoli, Castel Volturno, Sessa Aurunca e Trentola Ducenta, in provincia di Caserta, e Minturno, in provincia di Latina.