191 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Neonata morta in culla, i genitori dal carcere dicono di non aver picchiato Aurora. La madre è di nuovo incinta: chiede gli arresti i domiciliari

Interrogatorio di garanzia per Anna Gammella ed Emanuele Savino. La bimba deceduta il 2 settembre nella loro abitazione di Santa Maria a Vico (Caserta), aveva una grave lesione alla testa.
A cura di Nico Falco
191 CONDIVISIONI
Immagine

Non ci sarebbe stato nessun colpo volontario sulla bimba, tantomeno alla testa, ma un incidente domestico di cui probabilmente non avevano compreso la gravità. Si sono difesi così Emanuele Savino e Anna Gammella, i genitori di Aurora, la neonata di 45 giorni deceduta il 2 settembre a Santa Maria a Vico, in provincia di Caserta; i due sono accusati di omicidio: secondo l'accusa avrebbero lasciato morire la piccola e la lesione al cranio riscontrata sul corpo sarebbe stata la conseguenza di un pugno inferto una settimana prima del decesso.

La difesa dei genitori: "Non abbiamo picchiato Aurora"

I due, detenuti nel carcere femminile di Pozzuoli e in quello di Santa Maria Capua Vetere, sono stati ascoltati ieri per l'interrogatorio di garanzia. Quello di Anna Gammella (difesa dall'avvocato Davide Pascarella) è durato un'ora, mezz'ora in più quello del compagno, Emanuele Savino (difeso dall'avvocato Carlo Perrotta). Per l'uomo la posizione più grave: se alla donna vengono contestati comportamenti omissivi, infatti, per l'accusa sarebbe stato lui a sferrare il colpo che si sarebbe rivelato determinante per la morte della piccola, insieme alle mancate cure e a una polmonite.

La coppia, alla quale nelle prime fasi delle indagini sono stati tolti gli altri due figli, affidati ad una casa famiglia con la supervisione di un assistente sociale, ha risposto alle domande del pm ricostruendo il giorno del decesso e quelli antecedenti e successivi. Alle domande sulla lesione alla testa, che secondo l'accusa avrebbero cercato di "curare" con dello strutto per fare soprattutto in modo che altre persone non la notassero, hanno spiegato che non c'era stata violenza ma che si era trattato di un incidente domestico. Si attende ora la decisione del giudice; in caso di conferma della misura cautelare, la difesa valuterà il ricorso al Riesame.

Chiesta scarcerazione per la donna: è incinta

L'avvocato Pascarella ha presentato istanza di sostituzione della misura cautelare per Anna Gammella, chiedendo la concessione dei domiciliari invece del carcere: è risultato che la donna è infatti incinta, l'inizio della gravidanza a circa un mese fa, quindi alla metà di ottobre, un mese e mezzo dopo il decesso della neonata.

191 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views