162 CONDIVISIONI
Tabaccaio ruba Gratta e vinci da mezzo milione a Napoli
10 Settembre 2021
13:48

Come è finita la storia del Gratta e Vinci rubato dal tabaccaio a Napoli

La vicenda che ha tenuto e tiene ancora banco ormai risale a una settimana fa. Dopo il furto del Gratta e Vinci a Napoli, l’uomo il ‘tabaccaio’ Gaetano Scutellaro, ha tentato la fuga alle Canarie, ma è stato bloccato. Poi ha tentato di estorcere la metà della vincita alla legittima proprietaria, si è difeso dicendo che il biglietto vincente fosse suo, infine dal carcere si è pentito e ha chiesto scusa.
A cura di Valerio Papadia
162 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Tabaccaio ruba Gratta e vinci da mezzo milione a Napoli

È stata, e continua ad essere, la notizia dell'estate 2021, che ha tenuto e tiene ancora banco nelle cronache nazionali e non solo. Stiamo parlando, naturalmente, dell'ex tabaccaio napoletano, Gaetano Scutellaro, che ha rubato un Gratta e Vinci da 500mila euro a un'anziana signora di Materdei, divenendo per qualche ora uno degli uomini più ricercati d'Italia. Tra fughe tentate, estorsioni non riuscite, false accuse, arresti, e pentimento finale – conditi da una massiccia dose di meme e ironia che ha ingolfato il web – ecco la storia del Gratta e Vinci da 500mila euro rubato.

Il furto e la fuga sventata

Siamo tra il 3 e il 4 settembre quando un'anziana signora del quartiere Materdei, nel cuore di Napoli, si presenta dai carabinieri, denunciando il furto di un Gratta e Vinci, da lei acquistato in una ricevitoria della zona, e risultato poi essere vincente: 500mila euro il premio. Quando si è recata nuovamente in tabaccheria per assicurarsi di aver vinto, però, l'uomo dietro, Scutellaro, ha afferrato il biglietto vincente e si è dato alla fuga a bordo del suo scooter, facendo perdere le sue tracce.

Uno dei primi plot twist – per utilizzare un linguaggio cinematografico – della vicenda arriva il 5 settembre, quando l'ex tabaccaio viene individuato dalla Polizia di Frontiera all'aeroporto di Fiumicino, mentre tenta di imbarcarsi su un volo diretta a Fuerteventura, Isole Canarie, Spagna. Del tagliando vincente, però, nemmeno l'ombra. Identificato, è stato denunciato a piede libero.

Le false accuse all'anziana e la tentata estorsione

Rintracciato dalle forze dell'ordine, addirittura riferisce di essere lui la vittima: secondo il racconto dell'ex tabaccaio, visti i suoi difficili rapporti con l'ex moglie, proprietaria della ricevitoria di Materdei, aveva chiesto all'anziana signora che ha poi denunciato il furto di acquistare per lui il Gratta E Vinci. Sarebbe stata la donna, dunque, secondo il racconto di Scutellaro ad appropriarsi indebitamente del biglietto vincente. Le indagini dei carabinieri, però, fanno chiarezza sulla vicenda. Sarebbe stato Scutellaro, dopo il furto, avrebbe proposto alla donna la restituzione del biglietto, a patto però di dividere il premio a metà. Il Gratta E Vinci viene ritrovato in una banca di Latina, dove il tabaccaio l'aveva depositato.

L'arresto e il pentimento

Gaetano Scutellaro viene così arrestato dai militari dell'Arma con l'accusa di furto e tentata estorsione e viene recluso nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Il gip ha deciso per la convalida dell'arresto, ma soltanto per l'accusa di furto. L'8 settembre, dal carcere, l'ex tabaccaio, in lacrime, si è pentito del furto del Gratta E Vinci (che, come da prassi, potrà presto essere incassato dalla legittima proprietaria). "Ha capito di avere sbagliato, è pentito e si è scusato con tutti per quello che ha fatto: in lacrime ha chiesto perdono all'anziana signora" ha dichiarato il suo legale, l'avvocato Vincenzo Strazzullo.

162 CONDIVISIONI
Gratta e Vinci rubato a Napoli, l'anziana ha ricevuto i soldi e ringrazia: "Caso gestito con professionalità"
Gratta e Vinci rubato a Napoli, l'anziana ha ricevuto i soldi e ringrazia: "Caso gestito con professionalità"
Com'è finita la storia del Gratta e Vinci da mezzo milione a Napoli? La vincitrice costretta a lasciar casa
Com'è finita la storia del Gratta e Vinci da mezzo milione a Napoli? La vincitrice costretta a lasciar casa
Avvelenati dal gioco d'azzardo: storie di ludopatici che hanno perso tutto e provano a rialzarsi
Avvelenati dal gioco d'azzardo: storie di ludopatici che hanno perso tutto e provano a rialzarsi
100.281 di Carmine Benincasa
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni