635 CONDIVISIONI
Coronavirus
1 Novembre 2020
8:22

Gli aggiornamenti di domenica 1° novembre sul Coronavirus in Campania

I dati dell’emergenza Coronavirus in Campania: ancora un record di nuovi casi registrato nelle ultime 24 ore, con 3.669 contagi e purtroppo 14 morti. Intanto, il governatore campano Vincenzo De Luca, con apposita ordinanza, ha deciso di prorogare il divieto di spostamenti interprovinciali fino al 14 novembre.
A cura di Valerio Papadia
635 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Non si arrestano i contagi da Coronavirus in Campania: anche nelle ultime 24 ore si è registrato un record di nuovi casi, che sono stati 3.669. I nuovi casi sono emersi dall'analisi di 20.860 tamponi, anche in questo caso record per test analizzati in Campania dall'inizio della pandemia. La provincia nella quale si registrano più contagi è quella di Napoli: non è escluso che, con il nuovo Dpcm che il Governo annuncerà nelle prossime ore, Napoli possa diventare zona rossa. Per adesso, in Campania sono tre le città in cui è stata istituita la zona rossa e quindi il lockdown: si tratta di Arzano, nella provincia di Napoli, e di Marcianise ed Orta di Atella, nella provincia di Caserta.

De Luca proroga il divieto di spostamento tra le province

Alla luce della nuova impennata dei contagi, nella serata di ieri il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha deciso con una nuova ordinanza (la numero 87 del 31 ottobre) di prorogare il divieto di spostamenti interprovinciali fino al 14 novembre. I cittadini campani non possono dunque spostarsi tra la provincia di residenza o domicilio ad altra provincia della regione se non per motivi di lavoro o di salute. La nuova ordinanza ha anche confermato le misure di contenimento del Coronavirus già adottate in precedenza, come il coprifuoco dalle 23 alle 5 del giorno successivo, la chiusura dei locali come bar e ristoranti alle ore 18 (misura contenuta nell'ultimo Dpcm varato dal Governo) e la possibilità per tali esercizi commerciali di rimanere aperti fino alle ore 22.30 ma soltanto per garantire l'asporto, mentre la consegna a domicilio è consentita fino alle 23.

635 CONDIVISIONI
27471 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni