Rifiuti in strada a Roma
in foto: Rifiuti in strada a Roma

La Regione Lazio e la Ama (Azienda Municipale Ambiente) di Roma hanno chiesto alla Sapna, la società provinciale che si occupa dei rifiuti della Città metropolitana di Napoli, la disponibilità per il conferimento di circa 100 tonnellate al giorno di rifiuto indifferenziato. Fanpage.it lo apprende da fonti della Città Metropolitana di Napoli. La richiesta, risalente agli inizi di aprile, è partita a causa della situazione di emergenza rifiuti che si è abbattuta sulla Capitale in seguito alla chiusura di un impianto in provincia di Frosinone.

Al momento la richiesta è ancora soggetta a valutazione; la Sapna, insieme alla Città Metropolitana, sta effettuando in questi giorni verifiche per accertare la disponibilità ed eventualmente rispondere positivamente. Il carico stimato di indifferenziato che verrebbe trasportato in Campania sarebbe di circa 100 tonnellate e rappresenta una piccola parte rispetto a quanto prodotto nella provincia e alla capacità di smaltimento. Attualmente la Città Metropolitana gestisce circa 1900 tonnellate al giorno di rifiuti. Negli anni scorsi, quando l'emergenza attanagliava la Campania, anche il Lazio aveva messo a disposizione le proprie risorse per aiutare nello smaltimento e nel conferimento.

La discarica di Roccasecca, in provincia di Frosinone, era stata chiusa lo scorso primo aprile (con decisione annunciata alla fine di marzo) per esaurimento dello spazio disponibile. Nel sito venivano conferite quotidianamente circa 200 tonnellate di rifiuti. Nello stesso periodo, e per problemi simili, anche la E. Giovi aveva comunicato che a breve sarebbe stata disposta la chiusura di uno dei due impianti per trattamento rifiuti che gestisce.