Lutto nel mondo dell'atletica leggera campana: Marco Cascone, giornalista e amante del podismo, è morto nelle scorse ore all'età di 60 anni. La notizia ha fatto subito il giro del mondo sportivo campano e in tanti lo hanno ricordato anche per le sue esperienze come maratoneta: nel 1993 era arrivato anche a vincere la maratona di Santa Maria Capua Vetere. Un brutto infortunio lo aveva costretto a lasciare l'atletica, ma in quel mondo vi era rimasto come speaker e tecnico.

Originario di Castellammare di Stabia, lascia una moglie e due figli. In tanto in queste ore lo stanno ricordando con affetto, soprattutto nel mondo del podismo. "Il presidente Antonio Zito e lo staff della Libertas Atletica 88 Acerra comunica che considerata la stima e l'affetto reciproco che lega il presidente, il trofeo della Befana e il grande speaker Mario Cascone, le prossime edizioni saranno tutte dedicate alla sua memoria", si legge in una nota della Libertas Atletica 88 di Acerra, "Ci stringiamo al dolore della famiglia". Diversi anche i sindaci che hanno dato un ultimo saluto sulle proprie pagine Facebook. Come Malio Torquato, sindaco di Nocera, che in una nota stampa ha spiegato: "Appresa la tragica notizia della scomparsa di Marco Cascone, giornalista amante del podismo, caro alla comunità nocerina per essere stato promotore ed eccellente speaker del prestigioso appuntamento sportivo del "Memorial De Maio", il Sindaco e l’ Amministrazione comunale esprimono i sentimenti di più profondo dolore e cordoglio nei confronti dei familiari e del mondo sportivo, nonché dei promotori ed organizzatori del Memorial".