Amedeo Manzo è stato nominato amministratore unico della Napoli Holding srl, la società partecipata del comune di Napoli che attua le politiche strategiche e operative indicate da Palazzo San Giacomo (che ne è socio unico) anche attraverso il coordinamento operativo, organizzativo e finanziario delle società controllate. E si prepara ad una fusione inversa, incorporandosi nell'Azienda Napoletana Mobilità spa, società partecipata del comune partenopeo che gestisce il trasporto pubblico urbano su gomma, le funicolari i tram e la Linea 1 della metropolitana.

La nomina di Amedeo Manzo è arrivata con un decreto firmato dal sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che ha anche inviato al neo amministratore della Napoli Holding srl "l'augurio di un buon lavoro". Già negli ultimi anni, Manzo aveva lavorato a stretto contatto con Palazzo San Giacomo per il salvataggio di Anm. La fusione inversa è prevista nell'ambito del Documento Unico di Programmazione 2020/2022 del Comune di Napoli stesso, e rientra nell'ambito di un processo di razionalizzazione del "Sistema Partecipate". "L'Azienda Napoletana Mobilità prosegue il processo di modernizzazione ed organizzazione dell'azienda, che dovrà consentire il miglioramento del servizio", ha spiegato Amedeo Manzo, nelle sue prime parole da neo amministratore della Napoli Holding srl, "il Covid ha messo a dura prova il progetto di rilancio ma sono fiducioso in un futuro positivo". L'obiettivo di Amedeo Manzo è quello di risollevare il trasporto pubblico partenopeo, da sempre uno dei terreni più difficili da percorrere per amministratori pubblici e privati del capoluogo partenopeo.