102 CONDIVISIONI
Covid 19
24 Giugno 2022
16:53

Da Salerno a Napoli per la dialisi, positivo Covid costretto a fare 150 km in ambulanza a settimana

Luisanna Annunziata, segretario Aned Campania: “Sono viaggi settimanali a spese dei pazienti che pagano di tasca loro da 200 euro in su ogni volta”
A cura di Pierluigi Frattasi
102 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Un paziente dializzato positivo al Covid è costretto a viaggiare in ambulanza ogni settimana da Vallo della Lucania, in provincia di Salerno, a Napoli a sue spese per fare la dialisi. Un viaggio della speranza di 150 chilometri che può costare da 200 euro in su, perché solo in provincia di Napoli ci sono i centri dialisi specializzati per il trattamento dei pazienti contagiati dal Coronavirus". A raccontare la storia è Luisanna Annunziata, segretario regionale dell'Aned Campania, l'associazione Nazionale Emodializzati e Trapiantati renali.

Annunziata (Aned): "Costi elevati per i dializzati positivi Covid"

"Ci sono purtroppo molti pazienti in queste condizioni – spiega Annunziata a Fanpage.it – Persone trapiantate che sono positive al Covid e non possono fare la dialisi nelle province di appartenenza, perché i centri non sono attrezzati per dializzare i positivi. Sono così costrette a venire a Napoli dove ci sono alcuni centri specializzati. Ma a spese loro. Con un costo dell'ambulanza privata che cambia a seconda dei tariffari e della distanza. Una situazione intollerabile, che abbiamo segnalato anche alla Regione Campania".

Il caso della paziente di Benevento: "Basta disagi"

Un caso analogo riguarda anche una paziente dializzata di Benevento. "Il Covid oggi forse fa meno paura – scrive in una lettera all'associazione – Ma per noi dializzati positivi al Covid non è cambiato nulla. Se sfortunatamente un dializzato sannita si contagia è costretto a fare il viaggio della speranza verso i centri dialisi nella provincia di Napoli. Viaggi estenuanti. Per i dializzati che vivono in Campania al di fuori della provincia di Napoli è difficile vivere una vita normale. Siamo ancora alla situazione dell'inizio della pandemia di marzo 2020. Mi chiedo quando i nostri ospedali e centri dialisi saranno in grado di far fronte al Covid evitandoci tanto disagio".

102 CONDIVISIONI
31623 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni