Una festa all'interno di un hotel di Bacoli, con protagoniste ben 59 persone, è stata interrotta dagli agenti del commissariato di Pozzuoli, che hanno multato tutti i presenti più il titolare, disponendo anche la chiusura dell'albergo stesso per una giornata. Per tutti, le multe sono scattate per violazione delle norme anti-contagio da Covid, mentre per il titolare della struttura sono scattate anche sanzioni supplementari.

Tutto è accaduto nel pomeriggio di domenica scorso, in una della vie di Bacoli a ridosso del Lago Lucrino: i poliziotti, giunti sul posto dopo una segnalazione, hanno sorpreso all'interno ben 59 persone tutte regolarmente sedute ai tavoli nel corso di una festa, facendo così scattare le multe del caso. Ma non solo: i poliziotti una volta identificato il proprietario della struttura, vale a dire un 61enne napoletano, hanno accertato anche altre irregolarità: in primis, quando è stato chiesto l'elenco dei nominativi degli ospiti della struttura. Ai poliziotti, l'uomo ha dovuto ammettere di non aver registrato alcuno dei presenti, se non appuntandoli sommariamente su un foglio di carta, poiché per alcune camere aveva applicato la formula del "day use", vale a dire non calcolata sul pernottamento ma sulle ore diurne: formula che consente un forte risparmio per i clienti e contemporaneamente "libera" le stanze prima della sera. Per lui, oltre alle norme anti contagio, sono scattate le sanzioni anche per mancata comunicazione delle persone alloggiate all'Autorità di Pubblica Sicurezza. La struttura è stata infine chiusa per una giornata dopo la segnalazione alle autorità.