Positiva al coronavirus una studentessa, e il suo liceo chiude per due giorni per consentire le operazioni di sanificazione. La vicenda è accaduta a Pomigliano d'Arco, nel napoletano. Lo ha spiegato Giovanni Russo, il dirigente scolastico del Liceo Scientifico e delle Scienze Umane Salvatore Cantone, con un'apposita circolare con cui ha informato studenti e familiari della serrata del proprio istituto.

Il dirigente scolastico, dopo aver saputo che una studentessa dell'istituto, che era "già in didattica a distanza dall'inizio dell'anno scolastico" come spiegato dallo Russo, è risultata positiva all'infezione da CoViD-19, ha quindi immediatamente attivato il protocollo previsto in questi casi. E così è stata disposta "la chiusura dell’istituto per un'ulteriore radicale sanificazione di tutti i locali della scuola nei giorni 29 e 30 Settembre 2020″. Per 48 ore, dunque, tutte le attività didattiche ed amministrative sono state consequenzialmente sospese. Attività che, ha spiegato ancora lo stesso dirigente scolastico Russo, "riprenderanno regolarmente il giorno giovedì 1° Ottobre 2020". Qui il testo completo della circolare firmata dal dirigente scolastico Giovanni Russo.

Non è il primo caso di scuola che deve correre ai ripari dopo la positività di un alunno: anche a San Giuseppe Vesuviano, altro comune della provincia di Napoli, un altro istituto (quello Tecnico Commerciale Einaudi-Giordano) aveva deciso di chiudere i battenti e riaprire in questo caso direttamente al 4 ottobre, dopo che uno dei suoi studenti era risultato positivo al coronavirus: anche in questo caso la chiusura della scuola era avvenuta per permettere la sanificazione, le indagini ed i tamponi da parte dell'Asl.