1.443 CONDIVISIONI
Covid 19
4 Ottobre 2020
9:45

Morto di Covid il vescovo di Caserta Giovanni D’Alise: complicazioni polmonari

È morto per complicazioni polmonari il vescovo di Caserta, Giovanni D’Alise, 72 anni. Era ricoverato da alcuni giorni all’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano, dopo essere risultato positivo al Covid-19. Le sue condizioni si erano aggravate nelle ultime ore. L’alto prelato è deceduto nella notte.
A cura di Simone Gorla
1.443 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il vescovo di Caserta, Giovanni D'Alise, è morto questa notte per complicazioni polmonari legati al contagio da Coronvirus. Il prelato era ricoverato all'ospedale Sant'Anna e San Sebastiano dal 30 settembre scorso, dopo essere risultato positivo al Covid- 19.

Morto il vescovo di Caserta Giovanni D'Alise, era positivo al coronavirus

Il vescovo era stato sottoposto a tampone dopo che aveva accusato alcune linee di febbre. In un primo momento le sue condizioni sembravano buone, ma era stata comunque trattenuto in ospedale in via precauzionale. In seguito il 72enne aveva accusato difficoltà respiratorie che sono progressivamente aumentate negli ultimi giorni. Il quadro clinico è quindi peggiorato fino al decesso, avvenuto le scorsa notte. D'Alise era stato nominato vescovo della diocesi di Caserta 6 anni fa.

Aveva 72 anni, il decesso provocato da complicazioni polmonari

Monsignor Giovanni D'Alise era uno dei volti "storici" della Chiesa Cattolica campana. Classe 1948, napoletano di nascita ma cresciuto nel territorio acerrano, è stato parroco nella provincia casertana a ridosso di quella di Napoli fin dalla prime sacre investiture. Storico collaboratore del vescovo casertano Antonio Riboldi (scomparso nel 2017), in seguito  fu nominato vescovo della diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia (subentrando a monsignor Gennaro Pascarella, che si era spostato nella diocesi di Pozzuoli) da Papa Giovanni Paolo II, quindi nel 2014 era stato scelto scelto come vescovo di Caserta da Papa Francesco, dopo il decesso del vescovo titolare casertano Pietro Farina avvenuto pochi mesi prima.

La provincia di Caserta si conferma una delle zone più colpite dalla nuova ondata di contagio, mentre tutta la Campania fa registrare il record di nuovi casi.

1.443 CONDIVISIONI
29687 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni