“Se siete di Cervinara non venite a Benevento se non avete fatto il tampone”. Il sindaco Clemente Mastella “chiude” le porte della città ai cittadini di Cervinara, piccolo Comune dell'avellinese (circa 10mila abitanti), che lavorano negli uffici del capoluogo sannita. Proprio a Cervinara, infatti, negli ultimi giorni è scoppiato un focolaio di Coronavirus con una 30ina di contagiati. L'appello di Mastella, che non è corroborato da nessuna ordinanza sindacale, è stato lanciato sotto forma di invito sul profilo social ufficiale del sindaco di Benevento.

I cittadini di Cervinara contro Mastella: “Ci offende”

“Faccio appello alla sensibilità dei cittadini di Cervinara – scrive sul suo profilo Facebook ufficiale di sindaco Clemente Mastella – che lavorano negli uffici a Benevento: non venite in città prima di esservi fatti il tampone. E prego coloro i quali sono i diretti superiori di queste persone, di invitarli a restare a casa senza di essersi prima accertati dell’esito. Nessuna caccia ad untori, ma legittima preoccupazione. Cervinara ha un altissimo numero di contagiati, meglio prevenire. Come Comune di Benevento, abbiamo dato questa indicazione”.

Parole che però suscitano subito la reazione dei cittadini di Cervinara. Il post di Mastella nel giro di pochi minuti viene inondato da decine di post indignati. “La settimana scorsa – scrive un cittadino dell'avellinese – quando Cervinara contava 0 contagi e Benevento oltre 30 avremmo dovuto fare lo stesso, ovvero non venire a Benevento. A Cervinara centinaia di persone, forse migliaia, hanno fatto tamponi all'ASL o strutture private, test sierologici ecc. e chi è a rischio lo sa benissimo e evita di muoversi prima di conoscere la sua situazione. Faccia anche lei un controllo a Benevento e poi mi dica quanti asintomatici trova”. “Appunto – replica Mastella – è per chi lavora a Benevento. Qui non c’è offesa, è prevenzione per tutti”.

Il sindaco di Benevento: "Non è discriminazione"

Ad un altro cittadino che scrive “a Cervinara si sta facendo uno screening di massa. Invece di mistificare i numeri, forse sarebbe meglio se facesse anche lei lo stesso a Benevento, poi vediamo chi deve restare nel proprio Comune”, Mastella risponde: “intanto screening di massa ne abbiamo fatti e come a Benevento. Lei evidentemente ignora…A me sembrano indicazioni di buon senso, non vuole essere discriminazione. A Ceppaloni è risultata positiva una impiegata al Comune, proveniente da Cervinara. Tutti gli uffici resteranno chiusi per due giorni. Invece di scrivere questi commenti sterili, perché non incentivare tutti all’osservanza delle regole impartite?”.

Da un altro cittadino arriva l'affondo: “Possono entrare solo bianchi, alti, e di razza ariana. Sempre peggio. Eppure sa, sindaco, il primo contagio è avvenuta nella sua Benevento a discapito di un cittadino di Cervinara. Spero ci ricorderemo di quando verrà a chiedere voti”. Ma Mastella dice sicuro: “Fare i tamponi prima di rientrare in ufficio, mi sembra una cosa saggia, che previene la salute dei. Cervinaresi e dei beneventani. Ma possibile che vedete sempre le cose in modo negativo?”. Poi aggiunge: “Per fortuna gli abitanti di Cervinara, sono intelligenti saggi e ragionevoli. Ho anche molti parenti che vivono lì. Il provvedimento vale solo per gli impiegati al Comune di Benevento ed è a scopo preventivo, tutela la salute di tutti”.