216 CONDIVISIONI
7 Novembre 2022
9:28

Cocaina mescolata nel caffè da Colombia e Panama, poi spacciata nel Napoletano: 9 arresti

La droga veniva “sintetizzata” nel caffè e nel concime e così fatta arrivare nella provincia di Napoli: qui poi veniva estratta e spacciata.
A cura di Valerio Papadia
216 CONDIVISIONI

Una organizzazione criminale dedita al traffico internazionale di droga, con base operativa nella provincia di Napoli, è stata sgominata dalla Guardia di Finanza a Napoli: 9 le persone arrestate (8 in carcere e una con obbligo di dimora nel Comune di residenza e obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria) su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Napoli, che ha coordinato le indagini; i reati contestati sono quelli di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti nonché di importazione e detenzione di ingenti quantitativi di droga.

Cocaina "sintetizzata" nel caffè e poi estratta e spacciata

Le indagini, condotte dal Gruppo di Investigazione sulla Criminalità Organizzata (GICO) della Guardia di Finanza di Napoli, hanno permesso di svelare che il gruppo criminale importava grossi quantitativi di cocaina dalla Colombia e da Panama: la droga veniva "sintetizzata" nel caffè e nel fertilizzante organico e così veniva introdotta, tramite container che arrivavano via mare, nella provincia di Napoli.

Una volta giunta sul territorio, la cocaina veniva poi estratta dal carico di copertura tramite complessi processi chimici e, dopo essere stata mescolata con sostanze da taglio, veniva spacciata. La droga arrivava nel Napoletano tramite fittizie operazioni commerciali – che coprivano i traffici illeciti – riconducibili a società create appositamente per l'occasione.

216 CONDIVISIONI
Furto di farmaci oncologici a Catania, bottino da 485mila euro: 3 arresti, 2 sono napoletani
Furto di farmaci oncologici a Catania, bottino da 485mila euro: 3 arresti, 2 sono napoletani
Gli esplode un petardo in faccia, 13enne ferito a San Gennaro Vesuviano
Gli esplode un petardo in faccia, 13enne ferito a San Gennaro Vesuviano
A Napoli i botti hanno causato polveri sottili oltre 60 volte la soglia massima giornaliera
A Napoli i botti hanno causato polveri sottili oltre 60 volte la soglia massima giornaliera
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni