130 CONDIVISIONI
19 Agosto 2021
16:04

Chi è Raffaele Imperiale, boss della camorra arrestato a Dubai

Dopo oltre 5 anni di latitanza, Raffaele Imperiale è stato arrestato a Dubai, dove viveva da tempo, lo scorso 4 agosto. Nato a Castellammare di Stabia, nella provincia di Napoli, il 24 ottobre del 1974, Imperiale ha cominciato la sua carriera criminale come narcotrafficante ad Amsterdam, negli anni Novanta.
A cura di Valerio Papadia
130 CONDIVISIONI

L'arresto risale allo scorso 4 agosto, ma la notizia è stata diffusa soltanto oggi, giovedì 19 agosto: Raffaele Imperiale, boss della camorra, tra i narcotrafficanti più ricercati e tra i latitanti più pericolosi al mondo, è stato arrestato a Dubai, dove viveva da tempo: Imperiale era ricercato per traffico internazionale di sostanze stupefacenti dal gennaio del 2016. Ma chi è Raffaele Imperiale, inserito di recente dal Ministero dell'Interno nella lista dei 6 latitanti più pericolosi nel nostro Paese?

Il rapimento da bambino e gli inizi con la droga ad Amsterdam

Imperiale nasce a Castellammare di Stabia, nella provincia di Napoli, il 24 ottobre del 1974, figlio di un noto costruttore in città, nonché ai tempi proprietario della Juve Stabia, nota società calcistica della città a Sud di Napoli. Nella sua infanzia, Imperiale fu vittima di un rapimento i cui contorni sono ancora poco chiari, dal momento che il giovane riuscì a scappare in maniera non meglio precisata. La carriera criminale di Imperiale inizia nel 1996, quando eredita dal fratello, ad Amsterdam, un coffee shop, uno di quei locali della Capitale olandese dove è consentito vendere e consumare hashish e marijuana.

Il traffico di droga entra nel vivo tra le fine degli anni Novanta e i primi Duemila quando, dopo aver stretto numerosi contatti ad Amsterdam anche con alcuni criminali sudamericani, Imperiale stringe un patto con il clan Amato-Pagano – che diede vita, in contrapposizioni al clan Di Lauro, alla prima Faida di Scampia – e comincia a rifornire le piazze di spaccio di Napoli e provincia.

L'amore per l'arte e i due Van Gogh rubati

Nel gennaio 2016 Raffaele Imperiale viene condannato a 8 anni e 4 mesi di reclusione per traffico internazionale di sostanze stupefacenti e comincia la sua latitanza. Già noto, dunque, per le sue attività illecite, in quello stesso anno acquisisce ancor più notorietà quando alla periferia di Castellammare di Stabia, città che come detto gli ha dato i natali, in un'abitazione riconducibile proprio a lui, vengono ritrovati due quadri di Van Gogh, del valore di circa 130 milioni di euro, rubati anni prima nel museo dedicato al pittore olandese ad Amsterdam.

130 CONDIVISIONI
Il narcos Imperiale resta in carcere a Dubai: respinta la richiesta di estradizione
Il narcos Imperiale resta in carcere a Dubai: respinta la richiesta di estradizione
Certificati di vaccinazione falsi per andare a Dubai, fermati in aeroporto genero e figlia del boss Bosti
Certificati di vaccinazione falsi per andare a Dubai, fermati in aeroporto genero e figlia del boss Bosti
Il figlio del boss di Fuorigrotta arrestato dopo l'agguato al padre. Forse anche lui era nel mirino
Il figlio del boss di Fuorigrotta arrestato dopo l'agguato al padre. Forse anche lui era nel mirino
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni