348 CONDIVISIONI
Bimbo ucciso di botte a Cardito (Napoli)
29 Ottobre 2021
17:56

Bimbo ucciso di botte a Cardito, il medico: “Lesioni al cervello, fatale l’ultimo colpo”

Il piccolo Giuseppe Dorice, ucciso di botte a Cardito nel 2019, sarebbe morto anche se i soccorsi fossero stati tempestivi: lo ha spiegato il medico Nicola Balzano durante il processo d’Appello per il patrigno e per la madre, spiegando che l’ultimo colpo, alla testa, aveva causato una lesione al cervello che aveva innescato il processo irreversibile portando il bimbo al coma e alla morte.
A cura di Nico Falco
348 CONDIVISIONI
Tony Essobti Badre e Valentina Casa
Tony Essobti Badre e Valentina Casa
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Bimbo ucciso di botte a Cardito (Napoli)

Il piccolo Giuseppe Dorice, ucciso a bastonate dal compagno della madre il 27 gennaio 2019 a Cardito, in provincia di Napoli, sarebbe morto anche se fosse stato soccorso subito: l'ultimo colpo, alla testa, aveva causato un "danno assonale", una tremenda lesione al cervello che aveva innescato il processo irreversibile che lo aveva portato al coma e poi alla morte.

Lo ha spiegato il medico legale Nicola Balzano, che aveva effettuato il primo esame esterno sul corpo del bambino, alle 16 del 27 gennaio 2019, e successivamente si era occupato dell'autopsia. Il professionista è stato ascoltato come testimone durante il processo di secondo grado che si sta tenendo davanti alla Corte di Assise di Appello di Napoli (presidente Barbarano). Il primo grado si era concluso con una condanna a 6 anni per Valentina Casa, madre del bambino, e all'ergastolo per Tony Essobti Badre, all'epoca suo compagno e accusato sia dell'omicidio di Giuseppe sia di tentato omicidio nei confronti della sorellina.

Quel tragico giorno Badre si accanì come una furia sui due bambini, sia a calci, a pugni, persino a morsi, sia con un bastone. I piccoli furono picchiati con estrema violenza tra la camera da letto e il bagno. L'uomo si fermò quando ormai erano entrambi esanimi. Giuseppe, in particolare, era quasi incosciente. Non furono chiamati i soccorsi, ma si limitarono ad applicargli della pomata. L'ambulanza arrivò soltanto parecchio dopo, chiamata da una parente di Badre. Se anche i soccorsi fossero arrivati in tempo, però, ha sottolineato Balzano, non ci sarebbe stato più nulla da fare.

Prima del medico è stata ascoltata una vicina di casa della famiglia. La prossima udienza è fissata per il 3 novembre, è prevista l'escussione di altri 5 testimoni, tra cui anche alcuni sanitari del 118 che arrivarono nell'abitazione di Cardito quando ormai il piccolo era già morto.

348 CONDIVISIONI
105 contenuti su questa storia
Bimbo ucciso dal patrigno, nuova perizia: "Morto ore dopo le botte. Con soccorsi tempestivi si poteva salvare"
Bimbo ucciso dal patrigno, nuova perizia: "Morto ore dopo le botte. Con soccorsi tempestivi si poteva salvare"
Bimbo ucciso di botte a Cardito, il corpo del piccolo Giuseppe potrebbe essere riesumato
Bimbo ucciso di botte a Cardito, il corpo del piccolo Giuseppe potrebbe essere riesumato
Bimbo ucciso di botte a Cardito: nuova perizia per stabilire ora e cause della morte di Giuseppe Dorice
Bimbo ucciso di botte a Cardito: nuova perizia per stabilire ora e cause della morte di Giuseppe Dorice
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni