14.581 CONDIVISIONI
Bimbo ucciso di botte a Cardito (Napoli)
9 Novembre 2020
19:34

Bimbo ucciso a bastonate a Cardito: ergastolo al patrigno, 6 anni alla madre

É stato condannato all’ergastolo per omicidio volontario Tony Essobti Badre, il patrigno del piccolo Giuseppe Dorice, ucciso a bastonate il 27 gennaio 2019 a Cardito (Napoli); risponde anche di tentato omicidio nei confronti della sorellina del bambino. La ex compagna, madre dei bimbi, è stata condannata a 6 anni per maltrattamenti.
A cura di Nico Falco
14.581 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Bimbo ucciso di botte a Cardito (Napoli)

Ergastolo per Tony Essobti Badre, con un anno di isolamento diurno, e 6 anni di carcere per la compagna, Valentina Casa, ritenuta responsabile di maltrattamenti ma assolta dagli altri capi di accusa. É la sentenza pronunciata oggi dalla terza Corte di Assise di Napoli (presidente Lucia La Posta) per la morte del piccolo Giuseppe Dorice, ucciso a bastonate nel gennaio 2019 a Cardito, in provincia di Napoli, e per i maltrattamenti alle due sorelline. La sentenza è stata emessa dopo circa 5 ore di camera di consiglio ed è stata preceduta dalle arringhe difensive di Francesco Cappiello, per Valentina Casa, che ha chiesto l'assoluzione, e di Pietro Rossi, legale di Badre, che ha invece presentato istanza di riqualificazione dei reati, chiedendo che i capi di accusa di omicidio volontario a aggravato e tentato omicidio aggravato fossero modificati in lesioni personali gravissime.

Il bambino, 6 anni, era stato picchiato e colpito col manico di una scopa la sera del 27 gennaio, i soccorsi erano stati chiamati soltanto molto tempo dopo; colpevole del feroce pestaggio il compagno della madre, Tony Essobti Badre, accusato di omicidio e di tentato omicidio nei confronti dell'altra bambina, mentre la donna era finita a processo per gli stessi reati ma sotto il profilo omissivo, accusata di non avere fatto nulla per fermare le violenze e per soccorrere tempestivamente i bambini.

Lo scorso 23 settembre i sostituti procuratori di Napoli Nord Paola Izzo e Fabio Sozio avevano chiesto l'ergastolo (con isolamento diurno per 18 mesi e tutte le pene accessorie) per entrambi gli imputati. A Badre è stato contestato l'omicidio volontario di Giuseppe, il tentato omicidio della sorellina e i maltrattamenti in famiglia con le aggravanti della crudeltà, dei futili motivi, della minorata difesa e dell'abuso delle relazioni domestiche. Alla lettura della sentenza era presente anche il padre dei tre bambini, accompagnato dall'avvocato Gennaro Demetrio Paipais.

14.581 CONDIVISIONI
105 contenuti su questa storia
Bimbo ucciso dal patrigno, nuova perizia: "Morto ore dopo le botte. Con soccorsi tempestivi si poteva salvare"
Bimbo ucciso dal patrigno, nuova perizia: "Morto ore dopo le botte. Con soccorsi tempestivi si poteva salvare"
Bimbo ucciso di botte a Cardito, il corpo del piccolo Giuseppe potrebbe essere riesumato
Bimbo ucciso di botte a Cardito, il corpo del piccolo Giuseppe potrebbe essere riesumato
Bimbo ucciso di botte a Cardito: nuova perizia per stabilire ora e cause della morte di Giuseppe Dorice
Bimbo ucciso di botte a Cardito: nuova perizia per stabilire ora e cause della morte di Giuseppe Dorice
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni