Torna il maltempo in Campania: in arrivo pioggia e vento. La Protezione Civile ha emanato l'avviso di allerta meteo gialla per 24 ore, a partire dalle ore 12 di domani, domenica 11 ottobre, fino alle 12 di lunedì 12 ottobre. Rischio frane, allagamenti, inondazioni e cadute massi su tutta la regione, con particolare attenzione sui territori a rischio idrogeologico.

Allerta meteo Gialla su Campania 11 e 12 ottobre

La Protezione civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo di colore Giallo valevole a partire dalle 12 di domani, domenica 11 ottobre , alle 12 di lunedì 12 ottobre sull'intero territorio regionale. Si prevedono Precipitazioni sparse anche a carattere di "moderato rovescio" o temporale con locali raffiche di vento. La Protezione Civile raccomanda “agli enti competenti di prestare particolare attenzione alle zone del territorio interessate da incendi boschivi che potrebbero determinare occasionali fenomeni franosi dovuti alle condizioni particolarmente fragili di tali aree.

Tra i principali scenari di impatto al suolo dei temporali legati ad un rischio idrogeologico localizzato si segnalano:

  • Ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale;
  • Possibili allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno;
  • Scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali, possibili fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e coinvolgimento delle aree depresse;
  • Innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con inondazioni delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, ecc);
  • Possibili cadute massi in più punti del territorio;
  • Occasionali fenomeni franosi.

A seguito degli ingenti danni provocati dal maltempo negli scorsi giorni, con inondazioni in diversi Comuni della Campania, con colate di fango a Sarno, dove ci sono stati 250 sfollati, a fiumi di fango anche a Monteforte Irpino, la Protezione civile della Regione Campania segnala “la necessità di porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni previsti, anche in ordine alle sollecitazioni dei venti e del moto ondoso. In considerazione dei danni causati dai recenti eventi (25-28 settembre e 7 ottobre) occorsi sul territorio regionale e delle conseguenti situazioni di dissesto determinatesi, con consistente rischio residuo presente nei territori interessati, si raccomanda alle Autorità locali di Protezione Civile la massima vigilanza sulle aree urbane e sui corsi d'acqua ove attualmente sono presenti detriti, alberi, rami e altro materiale ostacolante il normale deflusso delle acque piovane”.