23.136 CONDIVISIONI
Covid 19
9 Novembre 2020
10:46

Addio ad Antonella, infermiera dell’ospedale Cardarelli in prima linea contro il Covid

Morta a 57 anni un’infermiera del Cardarelli: era in prima linea contro il Coronavirus, che l’aveva contagiata a sua volta due settimane fa. Dopo 15 giorni di ricovero nello stesso ospedale dove lavorava, Antonella Patrone non ce l’ha fatta: sposata, lascia un figlio di 19 anni. Si tratta dell’ennesima vittima tra il personale sanitario che lotta quotidianamente contro il covid.
A cura di Giuseppe Cozzolino
23.136 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Ancora una vittima all'interno degli ospedali napoletani per Coronavirus: morta a 57 anni l'infermiera del Cardarelli Antonella Patrone, che da due settimane lottava contro il Covid-19 ed era ricoverata nel medesimo nosocomio partenopeo in cui operava. La donna, residente a Casoria, era sposata e lascia un figlio di 19 anni. Sui social i colleghi l'hanno ricordata come persona solare, sempre sorridente e in prima linea per assistere chi aveva bisogno.

Si tratta dell'ennesima vittima del coronavirus in Campania (sono 150 nei soli primi sette giorni di novembre), che continua a colpire anche persone non avanti con l'età e non affette da altre patologie. Nella giornata di ieri, oltre al decesso di Antonella Patrone, sempre all'interno di personale medico e sanitario era scomparso anche un farmacista di 52 anni di Somma Vesuviana, il dottor Pacifico Dubbioso, anche lui a causa del coronavirus. Decessi che sono avvenuti mentre Napoli mostrava due facce completamente diverse nelle stesse ore: da una parte, i medici costretti a visitare i pazienti nelle automobili in coda all'ingresso dell'ospedale Cotugno, ormai saturo già da diversi giorni, dall'altra tantissime persone sul Lungomare di Napoli e ristoranti presi d'assalto come se nulla fosse e quasi come se il  Coronavirus non esistesse. Tra i decessi c'è anche quello del medico di famiglia Ernesto Celentano avvenuto qualche settimana fa.

Nel frattempo, però, venivano registrati altri 15 morti in 24 ore, che hanno portato a 150 il bilancio della sola prima settimana di novembre che, dovesse continuare così, potrebbe battere il record negativo di decessi, fissato a 213 morti nel mese di ottobre, finora il mese più "nero" della pandemia in Campania.

23.136 CONDIVISIONI
32115 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni