57 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

A Pianura la nuova “paranza dei bambini”, giovanissimi e feroci: blitz nella piazza di spaccio, 7 arresti

“Picchiata” della Polizia in un appartamento di Pianura, Napoli Ovest: 7 arresti e 2 denunce per droga, sarebbero legati al nuovo gruppo criminale emergente del quartiere.
A cura di Nico Falco
57 CONDIVISIONI
Immagine

A Pianura la chiamavano "paranza dei bambini", come quella del clan Sibillo del centro storico di Napoli: tutti giovanissimi, la maggior parte tra i 18 e i 20 anni, tra loro diversi "figli d'arte". Al nuovo gruppo criminale, che secondo gli investigatori stava conquistando terreno dopo lo smantellamento dei clan Marsicano-Esposito e Carillo-Perfetto, sarebbero legati i nove giovani sorpresi dalla Polizia di Stato in un appartamento del quartiere della periferia Ovest di Napoli, trovati con droga e munizioni: sette sono stati arrestati, per altri due è scattata la denuncia.

La "paranza dei bambini" di Pianura

Figura apicale di questo gruppo, apprende Fanpage.it da fonti qualificate, sarebbe un giovanissimo del quartiere, in passato legato ai Marsicano-Esposito, che dopo l'arresto dei vertici del clan si sarebbe ritagliato uno spazio autonomo a Pianura e, acquisito il controllo di una piazza di spaccio di droga, avrebbe tentato di estendere la propria influenza anche sul resto del quartiere; alla banda sarebbero attribuibili anche alcune "stese" effettuate nei giorni scorsi.

La "picchiata" dei poliziotti del commissariato Pianura è partita nella tarda mattinata di ieri, 28 novembre. Operazione lampo, ultima tappa di intricate indagini che avevano portato nelle scorse settimane a individuare i presunti componenti del gruppo e, soprattutto, a capire quali fossero i loro luoghi d'incontro. Una volta avuta la certezza che era in corso una riunione, gli agenti sono piombati nel covo, un appartamento in un edificio di via Vicinale Sant'Aniello.

Immagine

Blitz nella piazza di spaccio, 7 arrestati e 2 denunciati

In casa, intorno al tavolo da cucina, c'erano sette giovani. Davanti a loro, la droga: un panetto di hashish da 24 grammi circa, 4 involucri dello stesso stupefacente, due di cocaina per 31 grammi circa, uno di marijuana per 98 grammi circa e 57 dosi della stessa sostanza per 69 grammi circa; recuperati, inoltre, materiale per il confezionamento, due bilancini di precisione, forbici e coltelli ancora sporchi di stupefacente, due macchine per il sottovuoto e 85 euro in contanti. Nell'appartamento trovati anche 3 proiettili calibro 357 magnum.

Tra i sette arrestati, tutti con precedenti di polizia anche specifici e ora accusati di detenzione di droga e di munizionamento, figura anche Marco Gaetano, 20 anni, parente di Antonio Gaetano, il 19enne morto a marzo in seguito ad un agguato avvenuto a Mergellina e ritenuto il reggente degli Esposito-Marsicano; gli altri sono Antonio Luongo, 33 anni, Alfredo Barone, 21 anni, Giuseppe Nocerino, 30 anni, Antonio Battista, 23 anni, Ciro Battista, 18 anni, e Luca Musto, 23 anni. Altre due persone, di 17 e 20 anni, sorprese nell'appartamento, sono state denunciate per gli stessi reati. In un giardino della stessa strada i poliziotti hanno sequestrato, a carico di ignoti, una pistola calibro 7.65 con matricola abrasa e con 6 munizioni e un giubbotto antiproiettile.

57 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views