Il sindaco di Mondragone (Caserta), Virgilio Pacifico, ha firmato in serata l'ordinanza con cui dispone la chiusura di tutte le scuole da domani, 26 aprile, e fino alla fine del mese e la sospensione della didattica in presenza, con ritorno alla Dad, ovvero alla didattica a distanza. Il motivo è nella curva dei contagi, che negli ultimi giorni ha subìto una brusca impennata: l'epidemia di Sars-Cov-2 ha fatto registrare un numero di nuovi positivi troppo alto, tanto da costringere l'amministrazione a correre ai ripari. Attualmente nel comune del Casertano ci sono 127 positivi, con 15 nuovi casi registrati soltanto nella giornata di domenica.

L'ordinanza sancisce la sospensione dell'attività didattica in presenza negli istituti di ogni ordine e grado, sia pubblici sia privati, presenti sul territorio comunale per tutta la prossima settimana, quindi da lunedì 26 aprile a venerdì 30 aprile incluso. A preoccupare maggiormente il Primo Cittadino è l'incidenza di nuovi positivi in giovani in età scolare, che quindi a loro volta potrebbero contagiare i coetanei con i quali avrebbero per forza di cose contatti stando nelle aule. La sospensione vale tutte le attività, anche per quelle destinate agli alunni con bisogni educativi speciali o con disabilità.

Il sindaco di Mondragone ha inoltre deciso per la somministrazione straordinaria di test rapidi ad alunni e a personale scolastico, in modo da monitorare rapidamente l'andamento della curva epidemiologica con l'obiettivo di consentire il ritorno in classe in massima sicurezza nel minor tempo possibile. Il provvedimento potrebbe essere prorogato oltre il 30 aprile sulla base dell'evoluzione della curva dei contagi.