Un uomo di 50 anni, padre di famiglia, è finito in carcere l'altra mattina a Lecco per aver violentato un'amica delle figlie, che all'epoca dei fatti non aveva nemmeno compiuto 14 anni. La brutta vicenda risale a 7 anni fa, quando avvennero gli abusi che sono stati accertati nei tre gradi di giudizio davanti a un tribunale. Il 50enne, infatti, era stato già indagato e processato per l'episodio: era stato condannato sia in primo sia in secondo grado, e ultimamente la Corte di Cassazione ha reso definitiva la condanna a 4 anni di carcere per plurimi abusi sessuali.

Le indagini erano partite nel 2014: diversi gli episodi di violenza accertati

Le indagini erano scattate già nel 2014 da parte degli agenti della sezione reati contro la persona della questura di Lecco. La delicata inchiesta aveva accertato la doppia natura del 50enne: da un lato padre delle sue figlie, dall'altro aguzzino della loro amichetta, di cui abusava ogni volta che andava a trovare le sue figlie nella sua abitazione. Diversi gli episodi di violenza sessuale accertate dai poliziotti: accuse che hanno superato il vaglio dei giudici dei tre gradi di giudizio, fino alla Suprema corte.

E così, quando anche gli ermellini si sono pronunciati sulla vicenda e la condanna dell'uomo è diventata definitiva, la scorsa mattina i poliziotti della squadra mobile di Lecco si sono presentati alla porta del cinquantenne. Sette anni dopo gli abusi nei confronti di un'adolescente diventata nel frattempo maggiorenne, gli agenti hanno notificato al suo aguzzino un ordine di carcerazione e il 50enne, arrestato, è stato portato in carcere.