Un passeggero di un pullman delle Autolinee Varesine ha aggredito, colpendolo con calci e pugni, l'autista del pullman sul quale viaggiava. Dalle parole, l'uomo, un italiano, è passato rapidamente alle mani, fermato solamente dall'intervento degli agenti della polizia locale di Varese. Tutto è accaduto nel pomeriggio di martedì 29 dicembre.

Minaccia e picchia l'autista del pullman, denunciato

Secondo quanto comunicato dall'azienda trasporti varesina, l'aggressione è stata registrata in pieno centro città, in corso Moro, subito dopo la fine del turno dell'autista. Da un comunicato stampa delle Autolinee Varesine, si legge che "l'aggressore un uomo italiano di mezz’età, è rimasto a bordo dell’autobus sino a quando l’autista non è sceso per il cambio turno: dopo averlo lungamente apostrofato con minacce e insulti, il soggetto è passato alle mani". L'azienda spiega poi che grazie all'intervento "di altri dipendenti dell'azienda" e di una pattuglia della polizia locale, è stato posto fine "ad un episodio assolutamente grave ed increscioso". Le Autolinee Varesine hanno quindi ringraziato le forze dell'ordine, "sempre presenti nel momento del bisogno", per il loro intervento "quanto mai tempestivo". L'azienda del trasporto varesino ha poi espresso il suo sdegno per quanto successo, garantendo che tutelerà il suo collaboratore che, subito dopo l'aggressione, ha necessitato di cure in pronto soccorso. L'aggressore, invece, è stato denunciato per la violenza nei confronti dell'autista e per interruzione di servizio pubblico. A supporto delle indagini, le forze dell'ordine potranno contare sulle immagini registrate dalle videocamere di sorveglianza interne dell'autobus, essendo l'aggressione andata in scena per lo più a bordo del mezzo.