22 Giugno 2021
19:46

Uccide il fratello a coltellate dopo una lite violenta: “Dovevo difendermi”

Sono stati concessi gli arresti domiciliari all’uomo che, sabato scorso, ha accoltellato il fratello dopo una lite e davanti agli occhi della madre. L’omicidio si è consumato in una casa del quartiere San Siro a Milano. Il 44enne ha affermato davanti al giudice “di essersi dovuto difendere” dal fratello.
A cura di Ilaria Quattrone
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

Sono stati concessi gli arresti domiciliari al 44enne che, sabato notte a Milano, ha ucciso a coltellate il fratello di 47 anni dopo un violento litigio. L'omicidio, avvenuto davanti agli occhi della madre, si è verificato nella loro abitazione in viale Aretusa nel quartiere San Siro. Il 44enne al momento si trova ricoverato al Policlinico.

La lite scatenata dalla richiesta di soldi per comprare droga

L'uomo, durante l'interrogatorio davanti al giudice per le indagini preliminari Livio Cristofano, ha raccontato che la lite sarebbe stata scatenata dal suo rifiuto di prestare soldi al fratello per comprare sostanze stupefacenti. Il 47enne infatti era tossicodipendente e già nel 2019 aveva picchiato la madre per lo stesso motivo. Dalla colluttazione il 44enne ha riportato ferite alle braccia e alle mani che poi hanno fatto propendere per il ricovero in ospedale. Davanti al gip ha quindi sostenuto di essersi "difeso". Il giudice ha così concesso gli arresti domiciliari respingendo la richiesta di custodia cautelare in carcere presentata dal pubblico ministero Giovanni Tarzia.

La versione della madre

Per il gip infatti non sussiste il pericolo di fuga. A dare una versione diversa è la madre, che era presente al momento dell'omicidio. La donna ha infatti raccontato che il figlio avrebbe accoltellato il fratello, invalido al cento per cento per problemi psichiatrici, quando era già a terra. Continuano quindi le indagini degli agenti della squadra mobile per ricostruire l'esatta dinamica della vicenda. Per il momento si attendono i risultati dell'autopsia che potrebbero fornire un quadro più chiaro.

“È uno spione”, uccide l’amico con 70 coltellate: 12enne decapitato
“È uno spione”, uccide l’amico con 70 coltellate: 12enne decapitato
4.825 di Videonews
Milano, 20enne accoltella il padre dopo lite violenta: 51enne ricoverato in gravi condizioni
Milano, 20enne accoltella il padre dopo lite violenta: 51enne ricoverato in gravi condizioni
Lancia la compagna dalla finestra dopo una violenta lite: arrestato 31enne
Lancia la compagna dalla finestra dopo una violenta lite: arrestato 31enne
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni